Become a member

Get the best offers and updates relating to Liberty Case News.

― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldUn sito palestinese preistorico aggiunto alla lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO |...

Un sito palestinese preistorico aggiunto alla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO | Notizie di storia

Tell es-Sultan è un tumulo o tumulo di forma ovale situato nella valle del Giordano, contenente prove preistoriche dell’attività umana.

Un comitato delle Nazioni Unite ha votato per includere le rovine preistoriche vicino all’antica città di Gerico, nella Cisgiordania occupata, tra i siti del patrimonio mondiale della Palestina.

La decisione, criticata da Israele, è stata presa domenica durante una riunione del Comitato del Patrimonio Mondiale delle Nazioni Unite a Riyadh, in Arabia Saudita, sotto gli auspici dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO).

L’elenco si riferisce al vicino sito archeologico di Tell al-Sultan, che contiene rovine preistoriche risalenti al IX millennio a.C., e si trova fuori dall’antica città stessa.

“Gli insediamenti permanenti apparvero qui tra il IX e l’VIII millennio a.C. grazie al terreno fertile dell’oasi e al facile accesso all’acqua”, ha affermato l’UNESCO sul suo sito web.

Una veduta del sito preistorico di Tell es-Sultan [Hazem Bader/AFP]

Tell Sultan, una collina di forma ovale, contiene testimonianze di uno dei primi villaggi conosciuti dall’umanità e di un’importante città dell’età del bronzo risalente al 2600 a.C.

Si trova a circa 2 chilometri (1,2 miglia) dai resti della prima città di Gerico, che contiene monumenti importanti per la storia ebraica, tra cui una sinagoga risalente al I secolo a.C.

Gerico è una delle più antiche città abitate ininterrottamente sulla Terra, situata nella parte della Cisgiordania occupata da Israele e amministrata dall’Autorità Palestinese riconosciuta a livello internazionale.

Israele critica la decisione

Domenica il Ministero degli Affari Esteri israeliano ha rilasciato una dichiarazione in cui denuncia la decisione, definendola un “trucco cinico”.

La dichiarazione afferma: “Il Ministero degli Affari Esteri considera la decisione di oggi un altro segno dell’uso cinico dell’UNESCO da parte dei palestinesi e della politicizzazione dell’organizzazione”.

READ  Attacchi nel Mar Rosso: Russia e Cina si scontrano con Stati Uniti e Regno Unito per gli attacchi ai ribelli yemeniti

“Israele lavorerà con i suoi numerosi amici nell’organizzazione per cambiare le decisioni sbagliate che sono state prese”.

Israele si è ritirato dall’organizzazione delle Nazioni Unite nel 2019 a causa delle accuse di promuovere pregiudizi anti-israeliani, ma ha inviato una delegazione all’incontro di quest’anno in Arabia Saudita.

Una veduta aerea del sito preistorico di Tell es-Sultan [Hazem Bader/AFP]

Israele ha occupato la Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est nella guerra del Medio Oriente del 1967. I palestinesi vogliono i tre territori per il loro futuro stato.

Non ci sono stati negoziati di pace seri o sostanziali da più di un decennio, e Israele è attualmente guidato da uno dei governi nazionalisti più di estrema destra della sua storia, rendendo altamente improbabile qualsiasi passo verso uno stato palestinese.

Il patrimonio storico è da tempo uno dei tanti punti critici del conflitto israelo-palestinese, con entrambe le parti che utilizzano l’archeologia e la conservazione per dimostrare quello che dicono sia il loro legame unico con la Terra Santa.

L’Autorità Palestinese, riconosciuta dieci anni fa dalle Nazioni Unite come Stato osservatore non membro, ha accolto con favore la designazione di Tal al-Sultan.

Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha affermato in una dichiarazione che ciò “testimonia l’autenticità e la storia del popolo palestinese”, aggiungendo che “lo Stato di Palestina è impegnato a preservare questo sito unico a beneficio dell’umanità”.