Un veterinario americano torna in Italia per salutare il “Bambini” che vide l’ultima volta nel 1944

Ma anche il signor Incerti non aveva mai incontrato di persona il signor Adler, e la notte prima era così eccitato che non riusciva a dormire – “tre ore, più o meno”, ha detto.

Nelle prossime due settimane, Mr. Adler parteciperà a diversi eventi per il libro di Mr. Incerti mentre partecipa al Nostalgia Tour.

Visiterà Montrenzio, dove ha conosciuto i bambini, e riceverà le chiavi del villaggio. È in programma una visita Museo della Linea Gotica Toscana, un’ora a nord di Firenze, e una visita all’Ospedale di Napoli dove trascorse tre mesi dopo essere stato ferito nel 1945. A Roma, visiterà la sinagoga principale che visitò nel 1944, e dovrebbe incontrare il sindaco, Virginia Raggi.

“Non avrei mai immaginato che sarei tornato a vedere i bambini”, ha detto il signor Adler in una caotica conferenza stampa lunedì, ricordando la crudeltà della guerra.

“Ma la democrazia è buona”, ha detto, “e ha vinto la guerra”. “Abbiamo partecipato tutti – Francia, Inghilterra, Italia, America – li abbiamo sconfitti tutti”.

Giuliana Naldi ha le lacrime agli occhi.

“È stato molto toccante”, ha detto, notando che teneva un fazzoletto strategicamente a portata di mano.

Juliana è la più giovane delle tre, ma ha i ricordi più vividi di sua madre che avvertiva i bambini di nascondersi perché i soldati stavano arrivando nel bel mezzo di quel giorno di ottobre del 1944. Ricordava che si erano nascosti in una culla di bambù, tirando un pezzo di stoffa su se stessi.

READ  Primo, gli F-35 israeliani si addestrano in Italia, con l'Iran in vista

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x