Una canzone con forza: l’ingresso dell’Ucraina in Eurovision unisce la nazione

Torino, Italia (Associated Press) – L’ingresso dell’allegra orchestra ucraina Kalosh all’Eurovision Song Contest di questo mese è stato scritto in omaggio alla madre del primo giocatore.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, l’inno è diventato l’inno della patria dilaniata dalla guerra.

“Stefania” è la canzone più vista su YouTube tra le 35 voci nazionali che si contenderanno l’Eurovision la prossima settimana a Torino, la città industriale del nord Italia.

Mentre alcuni produttori di previsioni e analisti di dati prevedevano che altri concorrenti avrebbero vinto, la canzone dell’orchestra di Kalush è diventata rapidamente una delle preferite dal punto di vista emotivo.

“Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade vengono distrutte”, ha scritto il direttore della Kalush Orchestra Ole Psiuk nel testo della canzone “Stefania”.

Le sue parole sono diventate ancora più commoventi quando i missili hanno bombardato città e villaggi ucraini, costringendo più di 11 milioni di persone a fuggire da quando la Russia ha invaso il paese.

“In realtà, alcune cose sono state scritte qui molto prima della guerra, ed erano pensate per mia madre”, ha detto Psiuk all’Associated Press nel suo hotel di Torino.

“Dopo che tutto è iniziato con la guerra e le ostilità, ha assunto un significato aggiuntivo e molte persone hanno iniziato a vederla come la loro madre, l’Ucraina, che significa paese. Il cantautore ha detto, indossando un cappello a secchiello lucido che lo avrebbe reso immediatamente riconoscibile a chiunque. che ha trasmesso in streaming la canzone di Stefania.” ”, è diventato molto vicino al cuore di molte persone in Ucraina.

Un’esibizione della Kalush Eurovision Orchestra avrà un messaggio politico aggiuntivo, che rappresenta l’unicità della cultura ucraina contro l’affermazione aggressiva del presidente russo Vladimir Putin secondo cui l’ex Repubblica sovietica ha sempre fatto parte della Russia.

READ  Il produttore cinematografico di Mario dice che Chris Pratt non offenderà gli italiani

“Stefania” presenta vecchie melodie ucraine e note musicali uniche di fiati primitivi e difficili da suonare chiamati telenka, eseguite dal cantante Tymofii Muzychuk.

I membri della band mescolano breakdance con hopak, una danza popolare ucraina, in un’esibizione vivace punteggiata da pause rap con cyuk. I costumi presentano camicie e giacche cosacche ricamate mescolate con streetwear contemporaneo.

“Noi stessi stiamo dimostrando che la cultura ucraina e la legge etnica esistono”, ha detto Beswick. “Il nostro obiettivo è rendere popolare la musica ucraina, non solo in Ucraina ma in tutta Europa. E l’Eurovision è la piattaforma migliore per questo”.

Psiuk e cinque dei suoi compagni di band, tutti uomini di età compresa tra i 21 ei 35 anni, hanno ricevuto un permesso speciale dalle autorità ucraine per recarsi a Torino per partecipare all’Eurovision, viaggiare via terra in Polonia e poi recarsi in Italia. Uno dei membri della squadra originale è rimasto indietro per combattere.

Psyuk, 27 anni, ha lasciato una rete di volontari che ha organizzato due giorni dopo la guerra per aiutare a fornire assistenza logistica alle persone in tutta l’Ucraina in cerca di riparo o mezzi di trasporto.

Tutti torneranno in Ucraina al termine del concorso canoro.

“Sentiamo una grande responsabilità”, ha detto Bisuk. “Per noi è molto importante essere il più utili possibile al Paese. Vogliamo rappresentare il nostro Paese in modo decente”.

La Kalush Orchestra è più di una semplice orchestra. È un progetto culturale che coinvolge folkloristi e combina intenzionalmente hip-hop con musica, balli e costumi tradizionali ucraini, alcuni dei quali sono da tempo dimenticati, secondo Siuk.

Il progetto, durato 6 mesi, prende il nome dalla città natale di Psyuk, Kalush, che si trova nei Carpazi, a sud della città occidentale di Lviv. È un’evoluzione del gruppo hip-hop originale Kalush che anche Psiuk ha incontrato.

READ  Aiken Chamber Music Series porta ViMaDeAn Duo a Sainte Marie | divertimento

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, l’ingresso della Russia all’Eurovision è stato espulso dalla competizione con una mossa che secondo gli organizzatori mirava a tenere la politica fuori dall’evento estremamente popolare, che è stato seguito da 183 milioni di persone l’anno scorso.

Psycyuk ha affermato che l’esclusione della Russia dall’Eurovision, insieme ad altri eventi culturali e sportivi, potrebbe inviare un messaggio ai russi “che potrebbero dire di non comprendere appieno la situazione … che c’è motivo per cui il mondo intero, l’Europa, è bandito con loro”.

L’Ucraina ha aderito per la prima volta all’Eurovision Song Contest 19 anni fa. Da allora ha vinto due volte, entrambe le volte con canzoni eseguite principalmente in ucraino: Ruslana nel 2004 e Jamala nel 2016.

Psuik attribuisce il successo dell’Ucraina al “carattere speciale che ha la nostra musica”.

“Spero davvero che la musica ucraina diventi più popolare e ascoltata dopo che l’avremo eseguita all’Eurovision Song Contest”, ha affermato Psyuk.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x