Una domanda di Ilhan Omar sta suscitando scalpore nel Congresso degli Stati Uniti | Notizie Corte Penale Internazionale

Una deputata musulmana è stata accusata di “disegnare false equazioni” tra Stati Uniti, Israele, Hamas e talebani.

I leader democratici della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno cercato di calmare la rabbia tra i legislatori giovedì per una domanda posta dal rappresentante Ilhan Omar sull’opposizione degli Stati Uniti alle indagini della Corte penale internazionale sui presunti crimini di guerra in Israele e Afghanistan.

Omar, uno dei soli tre membri musulmani della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, aveva chiesto in un’udienza del 7 giugno dove le vittime dei crimini di guerra di Israele e Hamas avrebbero dovuto chiedere giustizia se gli Stati Uniti si fossero opposti all’azione presso la Corte penale internazionale.

Era una domanda giusta ma specifica, e il Segretario di Stato Anthony Blinken ha risposto che i tribunali negli Stati Uniti e in Israele potrebbero fornire forum giudiziari appropriati per tali affermazioni.

Tuttavia, la domanda di Omar ha provocato la condanna di alcuni suoi colleghi democratici e grida di “antisemitismo” dalla destra repubblicana in mezzo a un nuovo round di minacce di morte al suo ufficio.

“Eguagliare gli Stati Uniti e Israele con Hamas e i talebani è tanto fuorviante quanto lo è”, ha detto un gruppo di 11 ebrei democratici in una dichiarazione due giorni dopo che Omar ha posto la loro domanda a Blinkin.

Omar ha risposto definendo “vergognosa” la dichiarazione dei Democratici.

READ  Putin conferma l'uscita della Russia dal trattato di sorvolo

“Le metafore anti-Islam nella loro dichiarazione sono offensive. Le continue molestie e il silenzio dei firmatari di questa lettera sono intollerabili”, ha twittato Omar.

Omar ha condiviso un esempio del tipo di minacce di morte che il suo ufficio riceve ogni volta che viene presa di mira da accuse come quella che ha ricevuto questa settimana.

I leader democratici della Camera si sono buttati nella mischia sperando di evitare una conflagrazione come quella che ha decimato i Democratici nel 2019 quando la Camera ha votato per condannare l’antisemitismo e la discriminazione anti-musulmana dopo che Omar ha suggerito che i sostenitori statunitensi di Israele hanno una doppia lealtà.

“Le legittime critiche alle politiche sia degli Stati Uniti che di Israele sono protette dai valori della libertà di parola e del dibattito democratico”, hanno affermato in una dichiarazione giovedì sei leader democratici della Camera, tra cui la presidente della Camera Nancy Pelosi.

Ma disegnare false equazioni tra democrazie come gli Stati Uniti e Israele e gruppi che si dedicano al terrorismo come Hamas ei talebani incita al pregiudizio e mina il progresso, ha affermato il gruppo.

In un gesto per le loro preoccupazioni, Omar ha fornito un chiarimento della sua domanda a Blinken alla commissione per gli affari esteri della Camera.

READ  L'Iran si rifiuta di fare marcia indietro sui passi nucleari prima che gli Stati Uniti revocino le sanzioni | Notizie sull'energia nucleare

“Per essere chiari: il discorso riguardava la responsabilità per incidenti specifici legati ai casi ICC, non un confronto morale tra Hamas, i talebani, gli Stati Uniti e Israele”, ha detto Omar in una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

“Non stavo in alcun modo equiparando le organizzazioni terroristiche ai paesi democratici con sistemi giudiziari ben consolidati”.

Ma la guerra delle parole non è finita qui. Gli alleati progressisti di Omar, inclusa la rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez, si sono lanciati in sua difesa.

Nel frattempo, il rappresentante Moe Brooks, alleato repubblicano dell’ex presidente Donald Trump, ha detto a un giornalista radiofonico in Alabama che la domanda di Omar derivava dalla “crescente influenza dell’Islam nel Partito Democratico”.

“Tieni presente che i musulmani – più della maggior parte delle persone – hanno una grande ostilità verso Israele e la religione ebraica”, ha detto Brooks.

Omar ha condannato i commenti di Brooks e ha indicato in un tweet su Twitter che i suoi colleghi democratici non erano riusciti a rivolgersi a lei.

“Quando la nostra comunità sarà forte contro l’odio verso i compagni musulmani e i loro elettori?” Lei chiese.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x