Una donna che gestiva un centro di propaganda per la Russia a New York è accusata di essere un agente straniero | New York

Una donna che gestiva un centro di propaganda per la Russia a New York è accusata di essere un agente straniero |  New York

Una donna che dirigeva un centro di propaganda per la Russia New York Citi è stato accusato martedì di agire come agente straniero non registrato per il governo russo.

Elena Branson, 61 anni, cittadina americana e russa, gestisce il Russian Center di New York, da lei fondato nel 2012, e ha ricevuto migliaia di dollari dal governo russo.

Branson ha ricevuto un totale di $ 173.000 tra agosto 2013 e novembre 2019 in relazione al suo lavoro al Centro, Lo riporta Sky News.

Secondo quanto riferito, il centro ha coordinato attività come Campagna “Io amo la Russia” Si rivolge ai giovani americani che hanno promosso la storia e la cultura russa.

Branson è anche presidente del Russian Community Council USA, un’organizzazione che mira a “[supporting] organizzazioni di cittadini russi, per la conservazione e la diffusione della lingua russa e del patrimonio culturale e storico degli Stati Uniti”, Secondo il sito web del gruppo.

Secondo quanto riferito, Branson ha invitato Donald Trump o uno dei suoi figli al “New York Russia Forum” nel 2016, sebbene non ci siano prove che Trump o uno qualsiasi dei suoi familiari abbia partecipato.

I pubblici ministeri hanno detto che Branson, che ha lasciato gli Stati Uniti per la Russia nel 2020 ed è ancora latitante, ha parlato con alti funzionari russi, incluso Vladimir Putin, della sua campagna mentre la Russia ha intensificato i suoi sforzi di propaganda negli Stati Uniti.

Anche il Russian New York Center Pressioni ufficiali alle Hawaii Per non cambiare il nome di un’ex fortezza russa, Fort Elizabeth, sull’isola di Kauai, e per organizzare un viaggio per i funzionari hawaiani per incontrare i delegati russi a Mosca.

READ  Un ciclista mette a terra un bambino con un ginocchio il giorno di Natale e lo arresta

L’Associated Press ha riferito che Branson è stato accusato di cospirazione per agire come agente per un governo straniero senza avvisare il procuratore generale degli Stati Uniti e di aver partecipato a una cospirazione per frode sui visti.

Branson è anche accusato di aiutare gli altri Evita di registrarti illegalmente come clienti stranieri.

Sebbene nessuna delle attività educative o diplomatiche di Branson sia illegale, tutti gli agenti statunitensi ai governi stranieri devono rivelare la loro affiliazione con il Dipartimento di Giustizia. “Per tutto il tempo, Branson sapeva che avrebbe dovuto registrarsi come agente del governo russo, ma ha scelto di non farlo e ha invece istruito gli altri su come evitare illegalmente di farlo”, ha affermato l’avvocato americano Damien Williams.

“Particolarmente visti gli eventi mondiali attuali, la necessità di rilevare e impedire i tentativi di influenza straniera è fondamentale e il distretto meridionale di New York è orgoglioso di fare la sua parte nella lotta contro l’autoritarismo”, ha affermato Williams.

Durante un’intervista con l’FBI nel settembre 2020, Branson ha affermato che i funzionari russi non le avevano mai chiesto di organizzare incontri con funzionari statunitensi.

Il mese successivo, parlando a una stazione televisiva russa controllata dallo stato, Branson ha detto di aver lasciato gli Stati Uniti per questo motivo Pensavo fosse probabile che venisse catturata.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x