Una foto straordinaria cattura l’epica collisione di tre galassie

Una foto straordinaria cattura l’epica collisione di tre galassie

Un oggetto a 681 milioni di anni luce di distanza potrebbe sembrare un meraviglioso, meraviglioso pasticcio, ma c’è molto di più in corso che il primo sguardo indica.

L’oggetto mostrato nella nuova immagine di Hubble – chiamata IC 2431 – non è una galassia, ma tre galassie, che si uniscono in una massiccia fusione galattica che un giorno si concluderà in un’unica enorme galassia, portando le cicatrici del suo incontro catastrofico.

Tali oggetti possono aiutarci a capire come le enormi galassie sono cresciute e si sono evolute nel corso di milioni e miliardi di anni e come il nostro universo continuerà a cambiare negli eoni a venire.

Potrebbe sembrare che le fusioni di galassie dovrebbero essere rare, data la quantità di spazio disponibile, ma sembrano essere parte integrante dell’evoluzione delle galassie.

La Via Lattea, ad esempio, ha subito molteplici fusioni galattiche nei suoi 13,6 miliardi di anni di storia. Gli astronomi ritengono che le galassie siano interconnesse gravitazionalmente, forse essendo orientate lungo i filamenti della rete cosmica invisibile che si estende attraverso di esse e svolge un ruolo vitale nel plasmare l’universo, in gruppi che si fondono lentamente.

IC 2431. (ESA et al.)

Credito immagine completo: ESA/Hubble e NASA, W. Keel, energia oscura Sondaggio, DOE, FNAL, DECam, CTIO, NOIRLab/NSF/AURA, SDSS, J. Schmidt.

Queste collisioni causano disturbi gravitazionali che colpiscono e comprimono i gas di formazione stellare nelle galassie, provocando onde di formazione stellare quando densi ammassi di materiale collassano sotto la loro stessa gravità per formare giovani stelle.

Una galassia i cui tassi di formazione stellare stanno diminuendo sperimenterà probabilmente un’esplosione di attività starburst durante e dopo l’interazione con un’altra galassia.

READ  Con il carburante pompato, James Webb Space si prepara al lancio • The Register

Le collisioni di galassie binarie sono le fusioni di galassie osservate più frequentemente, ma ci sono anche un certo numero di fusioni di galassie triple là fuori.

Non è sempre facile individuarli, a seconda di quanto sia completa la fusione.

Nelle fasi successive della fusione, il massiccio buchi neri Ai centri di ogni galassia sono raggruppati reciprocamente e bloccati in un’orbita binaria o tripla. Come abbiamo visto, la polvere a volte può oscurare uno o più di questi buchi neri.

Gli astronomi ritengono che alla fine anche questi buchi neri si fonderanno per formare una parte enorme di un buco nero supermassiccio. Non abbiamo rilevato un file onda di gravità Segnali di una di queste massicce fusioni, ma potrebbe essere perché si verificano a una frequenza al di fuori della portata dei nostri attuali rilevatori.

Più identifichiamo questi incidenti, meglio possiamo capire come si verificano e modellare come si sono verificati nel corso di milioni di anni.

Puoi scaricare l’immagine sopra nelle dimensioni dello sfondo Dal sito web dell’ESA Hubble.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x