― Advertisement ―

spot_img
HomescienceUna nuova analisi ha scoperto che Venere ha più attività vulcanica di...

Una nuova analisi ha scoperto che Venere ha più attività vulcanica di quanto precedentemente noto

Washington: Venere sembra essere più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto precedentemente noto, secondo gli scienziati la cui nuova analisi di immagini radar vecchie di decenni ha scoperto prove di eruzioni in due ulteriori luoghi sulla superficie del vicino inospitale della Terra.

I ricercatori hanno affermato che le immagini radar ottenute dalla navicella spaziale Magellan della NASA dal 1990 al 1992 indicavano grandi colate di lava in queste due località nell'emisfero settentrionale di Venere al momento delle osservazioni. Hanno aggiunto che questi risultati, insieme a studi precedenti, indicano che l’attività vulcanica del pianeta è simile all’attività vulcanica sulla Terra.

Magellano ha mappato il 98% della superficie di Venere. Negli ultimi anni i progressi nella potenza di calcolo hanno reso più semplice l’analisi dei dati radar Magellan.

Lo scienziato planetario Davide Solcanesi dell'Università D'Annunzio di Pescara, in Italia, e autore principale dello studio pubblicato, ha dichiarato: “Questi risultati cambiano radicalmente la nostra comprensione del grado di attività vulcanica di Venere, suggerendo che potrebbe essere molto più attivo di prima. Pensiero.” Questa settimana in Astronomia della Natura.

Uno dei due siti è un vulcano chiamato Sif Mons, che è largo circa 300 km e si trova in un'area chiamata Estella Reggio. Le immagini radar prima e dopo indicano che la lava scorre fino a circa 12 miglia quadrate (30 chilometri quadrati) di roccia. L'altra località è una grande pianura vulcanica in un'area chiamata Niobi Planitia. In questa colata lavica sono state prodotte circa 17 miglia quadrate (45 chilometri quadrati) di roccia.

“Sia Sif Mons che i vulcani di Niobi Planitia sono vulcani a scudo, caratterizzati da ampi e dolci pendii formati da colate laviche a bassa viscosità”, ha affermato il planetologo dell'Università D'Annunzio e coautore dello studio Giuseppe Mitre.

READ  Hamilton ha considerato una "area a rischio stimato" per la malattia di Lyme per il quinto anno consecutivo

Si stima che la profondità media della nuova roccia in entrambi i siti sia compresa tra circa 10 e 66 piedi (tre e 20 metri).

“I flussi di lava osservati lungo il lato occidentale di Mons Sword mostrano caratteristiche lineari con schemi a zigzag che seguono la direzione della pendenza massima, generalmente verso ovest”, ha detto lo scienziato planetario e coautore dello studio Marco Mastrogissippi dell'Università La Sapienza di Roma e Link . Campus di Roma.

“Per quanto riguarda le colate nella Niobi Planitia, le colate laviche sembrano originarsi vicino a piccoli vulcani a scudo e si estendono verso nord-est, seguendo anche la direzione del versante”, ha aggiunto Mastrogissippi.

Venere è il secondo pianeta dal Sole e la Terra è il terzo pianeta. Venere ha un diametro di circa 7.500 miglia (12.000 km), leggermente più piccolo della Terra.

Il nuovo studio si basa su precedenti scoperte sull’attività vulcanica in corso su Venere. Uno studio del 2023 ha rilevato che una bocca vulcanica a Maat Mons in un'area chiamata Atla Reggio, vicino all'equatore, si è espansa e ha cambiato forma durante la missione di Magellano.

“Il nostro studio è il primo a fornire prove dirette dei flussi di lava che si sono formati durante il periodo della missione di Magellano. Analizzando le immagini radar della navicella spaziale Magellano, abbiamo osservato cambiamenti nella morfologia della superficie e nei dati radar che indicano nuovi flussi di lava”, ha detto Solkanes.

“Ciò fornisce una prova diretta dell'attività vulcanica in corso su Venere, basandosi su prove precedenti come i cambiamenti nel biossido di zolfo nell'atmosfera, i dati sulle emissioni termiche superficiali e in particolare la prova della deformazione del cratere osservata ad Atla Reggio”, ha detto Solkanese.

READ  Il telescopio spaziale Hubble intravede la galassia a spirale UGC 9684

Lo studio dell'attività vulcanica fornisce una comprensione più completa del calore interno del pianeta e dei processi geologici.

“Fornisce informazioni sull’evoluzione termica del pianeta, sui processi di rinnovamento della superficie e sulle interazioni atmosferiche”, ha affermato Mitri.

La spessa atmosfera di Venere, composta principalmente da anidride carbonica, intrappola il calore in un effetto serra fuori controllo, rendendo Venere il pianeta più caldo del nostro sistema solare.

“Sebbene Venere sia molto simile alla Terra in termini di dimensioni, massa, composizione chimica e struttura interna, ci sono differenze fondamentali che rendono Venere un pianeta infernale”, con temperature superficiali estremamente elevate e pressione atmosferica schiacciante, ha detto Solkanese.

“La ragione di questa diversa evoluzione è ancora oggetto di dibattito”, ha aggiunto Solkanese, sottolineando che le missioni della NASA e dell’ESA pianificate nei prossimi anni “ci aiuteranno a capire meglio perché questi due pianeti affrontano un destino così diverso”.