Una nuova immagine dal web mostra la galassia NGC 1365, nota per contenere un buco nero supermassiccio che si sta alimentando attivamente

Il James Webb Space Telescope continua a fornire immagini straordinarie dell’universo, dimostrando che gli anni di sviluppo e i ritardi valgono l’attesa! L’ultimo viene da Judy Schmidt (Conosciuto anche come. jikzillaE il presa spaziale), un fotografo che ha elaborato un’immagine scattata da Webb della galassia a spirale barrata NGC 1365. Conosciuta anche come enorme galassia a spiraleNGC 1365 è una galassia a spirale a doppia barra costituita da una lunga barra e da una struttura più piccola situata a circa 56 milioni di anni luce a sud. Fornace costellazione.

Con un diametro di oltre 200.000 anni luce, circa il doppio della Via Lattea, NGC 1365 è stato osservato nel modo in cui le sue larghe braccia si estendono dalla sua asta centrale per dare un aspetto simile a una Z. La galassia è stata scelta per l’osservazione da JWST a causa alla sua natura distintiva e al grado di oscuramento. Rispolvera la sua struttura interna. In particolare, la seconda banda è più prominente nelle immagini a infrarossi e gli strumenti precedenti (come i telescopi spaziali Hubble e Spitzer) erano limitati in termini di quanto si può immaginare.

Gli astronomi ritengono che questa striscia svolga un ruolo cruciale nell’evoluzione della galassia, attirando gas e polvere nel nucleo, formando nuove stelle e alimentando il buco nero supermassiccio (SMBH), che è di circa due milioni di masse solari e ruota a velocità quasi . di luce. Si sospetta anche che questa regione derivi da una combinazione di instabilità dinamica nella regione, probabilmente a causa delle orbite stellari, delle onde di densità, della rotazione complessiva del disco e della possibilità che la banda interna sia più veloce della banda più grande.

Immagine di NGC 1365 che combina le osservazioni utilizzando il telescopio danese da 1,5 metri all’Osservatorio ESO La Silla in Cile. Credito: ESO/IDA/Danese 1,5 m/R. Gendler, JE. Ovaldsen, C. Thöne e C. Feron

Immagine acquisita da Webb’s strumento a medio infrarosso (MIRI) e fornisce nuove informazioni sul funzionamento interno di questa galassia. Ciò include uno sguardo più dettagliato all’area ristretta centrale e ai molti bracci più piccoli e morbidi che si estendono da essa. Mostra il centro luminoso SMBH (il punto luminoso al centro), la regione di formazione stellare a forma di alone e la polvere illuminata circostante. Macchie lucide sono sparse anche su tutte le braccia più grandi, che assomigliano più a un arcipelago esteso che a singole strutture.

Come sottolinea Schmidt, ha elaborato l’immagine utilizzando i dati forniti dalla fisica ad alta risoluzione angolare nel team di Near Galactic Survey (PHANGS):

“Galassia a spirale barrata polverosa NGC 1365. È interessante notare che la banda di polvere non è così prominente come nella luce visibile. Al centro c’è un modesto nucleo galattico attivo (AGN). Anche la polvere che circonda il nucleare è piuttosto sorprendente. Questa volta, ero felice di ricevere la riduzione dei dati del team PHANGS. Lo rende molto più semplice perché il loro mosaico era molto migliore in termini di corrispondenza e armonia”.

NGC 1365 e altre galassie a spirale barrata sono di grande interesse per gli astronomi grazie a nuove osservazioni che suggeriscono che la Via Lattea potrebbe anche essere una galassia a spirale stretta. Si stima che tali galassie rappresentino i due terzi di tutte le galassie a spirale nell’universo e il loro studio potrebbe rivelare cose sulla formazione e l’evoluzione della nostra galassia. Grazie al suo set avanzato di ottiche a infrarossi, JWST è adatto per studiare i nuclei di queste galassie e osservare le forze che guidano cose come la formazione stellare, i buchi neri supermassicci, i getti relativistici, ecc.

Immagini combinate di Hubble, NGC 1365, in luce visibile e infrarossa. Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/M.Carallo (Colombia Yu)/STScI

Tra i suoi numerosi obiettivi scientifici, Webb studierà parti dell’universo in gran parte inaccessibili all’astronomia visibile, come le nubi molecolari (regioni di formazione stellare), i dischi stellari che danno origine ai pianeti e i nuclei di galassie attive. Questo include il centro della Via Lattea, che era molto difficile da osservare a causa della polvere cosmica tra essa e la Terra. Queste osservazioni riveleranno indizi sul buco nero supermassiccio (Sagittarius A*), le stelle in orbita attorno ad esso e il “rigonfiamento galattico” densamente imballato che lo circonda.

READ  Lo spazio rimodella i bulbi oculari degli astronauti. Questo sacco a pelo assorbente può aiutare

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x