Una stagione storica per la peggiore nazionale di calcio del mondo

San Marino, un’enclave d’Italia con una popolazione di soli 30.000 abitanti, vanta una squadra nazionale reputata per essere costantemente la peggiore classificata al mondo. Il 14 novembre, la partita della UEFA Nations League contro Gibilterra è stato un momento storico per questa squadra appassionata.

La partita si è conclusa con lacrime di gioia e sospetto, e gli abbracci e i baci che meritavano di vincere il Mondiale. Ma i festeggiamenti sono stati in realtà uno 0-0, risultato insignificante per le classifiche, ma ha battuto i record per San Marino.

Il punteggio finale indica la prima volta che San Marino non ha perso due partite consecutive nella storia della squadra (la precedente gara ufficiale, che aveva pareggiato 0-0 con il Liechtenstein). Sono seguite scene emozionanti, gli allenatori hanno preso a pugni in aria e il difensore centrale Dante Rossi ha pianto nella sua intervista post partita.

Festeggiare potrebbe non sembrare molto finché non si impara di più sulla squadra nazionale di San Marino. Se le loro abilità calcistiche non gli fanno guadagnare molta ammirazione, la loro passione, perseveranza e spirito sportivo sì.

La maggior parte dei giocatori sammarinesi sono dilettanti che trascorrono le loro giornate come banchieri, dentisti e contabili. Si allenano come una squadra una volta alla settimana. Come tale, la squadra nazionale di San Marino è rimasta praticamente stabile in fondo alla classifica mondiale FIFA.

La squadra ha un pessimo record di partite. Prima della loro serie di due vittorie consecutive, avevano perso le precedenti 40 partite. La squadra ha finora segnato 730 gol e solo 24. L’unica volta che hanno vinto la partita è stata nel 2004 contro il Liechtenstein. I tifosi sammarinesi, nonostante la loro passione, arrivano ad accettare il fallimento per scontato. Il loro slogan scelto è “mai una gioia”, non delizia.

Sono necessarie una notevole forza mentale e personalità per continuare a scendere in campo ogni volta, sapendo che l’obiettivo non è vincere quanto cercare di segnare il minor numero di gol possibile. Il tecnico Franco Varela ha parlato a SportWeek di come ha lavorato sulla forza mentale della squadra. “Ho portato ragazzi nella squadra per cambiare la mentalità. In precedenza, si andava all’andata, si facevano segnare sei gol e il giorno dopo si andava a lavorare come se nulla fosse successo. Come se subire colpi fosse il nostro destino inevitabile quindi, beh, almeno abbiamo fatto un viaggio All’estero “. Varela è stata severa con la squadra, sollecitando professionalità e voglia di migliorare.

“Abbiamo un approccio alle partite molto diverso rispetto al passato. Il nostro problema era cosa fare quando avevamo la palla, grazie al Varrella che conosciamo”, ha commentato l’attaccante Nicola Nanni.

La squadra ha ancora molti brutti momenti a cui pensare. Il difensore Mirko Palazzi ha dichiarato: “Il peggior ricordo, legato allo 0-13 contro la Germania, settembre 2006. Hanno appena visto l’Italia vincere il Mondiale in casa. Sono venuti qui pensando di vendicarsi su di loro, dicendo che siamo italiani in tutte le influenze. Volevano schiacciarci. Niente insulti o prese in giro. Sembravano robot. Sono andati avanti e hanno segnato gol “.

La squadra ha anche subito commenti brutali e umilianti da altre squadre di calcio. Dopo aver perso in modo spettacolare contro la Germania nel 2016, Thomas Mueller ha parlato con forza nel suo post partita, mettendo in dubbio “il senso di partite così diseguali”. “Capisco che giocare contro i campioni del mondo sia speciale per loro, e capisco anche che possono difendere solo con contrasti difficili. Per questo, mi chiedo se non siano partite di rischio inutili”, ha aggiunto.

Tuttavia, in sintonia con la propria personalità, la squadra sammarinese si è affrettata a respingere i commenti. Il direttore della comunicazione Alan Jasperoni ha scritto una risposta breve e lunga spiegando in dettaglio 10 motivi per cui la partita sarebbe stata vantaggiosa.

Il vantaggio di questo costante colpo è che i momenti di successo sono preziosi e indimenticabili. Matteo Vitajioli, che lavora come grafico, ricorda il gol segnato cinque anni fa contro la Lituania. “Era un gol a parità … ho calciato con tutta la forza che avevo nel corpo, la palla è andata sotto la traversa. Per due o tre minuti c’è stata una totale confusione, i miei compagni di squadra mi hanno seppellito e il primo che mi è saltato sopra è stato mio fratello, che è un difensore. Ancora non so come sia riuscito a raggiungermi prima degli altri “. È stato il primo gol in trasferta segnato dalla squadra in 14 anni.

Determinata e risoluta, la squadra continua sconfitta dopo sconfitta, senza mai perdere l’amore per questo sport. Come ha commentato una volta Zlatan Ibrahimovic sulla squadra: “Non scusarti, se sei qui te lo meriti”.

Ora che hanno chiuso senza sconfitte due partite storiche, la vittoria potrebbe essere presto. Come ha detto il portiere Elia Benedettini alla settimana dello sport: “Ogni nostra partita è come scrivere una favola”.

READ  Sono già state confermate quasi 40 iscrizioni per la Hankook 12H MUGELLO 2021

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x