UniCredit in Italia svela una nuova strategia al termine della ristrutturazione

UniCredit SpA ha dichiarato che prevede di espandersi assumendo personale e investendo nella digitalizzazione come parte di un piano strategico triennale che include riacquisti di azioni proprie e dividendi maggiori.

Il piano, il primo da quando l’amministratore delegato Andrea Ursel ha assunto la guida ad aprile, mira a una crescita annuale dei ricavi di circa il 2% e una crescita degli utili del 10% fino al 2024.

UniCredit, la seconda banca italiana per asset, ha dichiarato che distribuirà almeno 16 miliardi di euro, o 18,2 miliardi di dollari, agli investitori in dividendi e riacquisti di azioni nei prossimi tre anni. Ha detto che avrebbe investito 2,8 miliardi di euro in infrastrutture e dati digitali nello stesso periodo.

Le azioni UniCredit sono aumentate di circa il 7% dopo che la banca ha presentato il piano.

“Attraverso questa strategia, forniremo maggiori e crescenti ritorni agli azionisti, facendo crescere la nostra attività e mantenendo la forza del capitale”, ha affermato Orcel.

La nuova strategia della banca rappresenta un cambiamento rispetto agli anni in cui l’obiettivo principale era il rafforzamento della propria posizione patrimoniale. A tal fine, il predecessore di Orcel, Jean-Pierre Mustier, ha raccolto 13 miliardi di euro di nuovo capitale, ha venduto molti beni, inclusi miliardi di euro in crediti inesigibili, e ha tagliato migliaia di posti di lavoro.

Il piano arriva in un momento di incertezza economica alimentata dall’aumento dell’inflazione, dalle turbolenze della catena di approvvigionamento e dalla nuova variante Omicron, che si sta diffondendo rapidamente in Europa, dove opera UniCredit.

L’economia italiana, dove UniCredit genera circa la metà delle sue entrate, dovrebbe crescere di poco più del 6% quest’anno, dopo che il PIL si è contratto del 9% nel 2020 a causa dei blocchi legati alla pandemia. L’economia della zona euro è destinata a crescere del 5% quest’anno.

READ  Cdp rivede l'offerta per Autostrade verso il basso e Atlantia la respinge ancora: "Meno del previsto". Tutto questo è rinviato alla fine di gennaio

Ma gli economisti avvertono che la ripresa economica in Europa, alla quale la crescita delle entrate bancarie è strettamente legata, potrebbe rallentare bruscamente nel 2022 dopo un forte rimbalzo quest’anno.

Quando la pandemia ha colpito l’Italia, UniCredit e altre banche hanno compiuto solidi progressi nella riduzione delle montagne di crediti inesigibili che avevano afflitto per anni, alcuni dei quali erano gli avanzi della crisi finanziaria globale.

UniCredit e altre banche italiane mantengono ancora accantonamenti in gran parte inutilizzati per le perdite sui prestiti accumulate durante la recessione legata alla pandemia nel 2020. I programmi finanziati dal governo, come i programmi di ferie per aiutare le imprese, hanno aiutato le banche a evitare una nuova ondata di crediti inesigibili, come è successo durante crisi del debito Sovranità e finanziaria.

Tuttavia, la pandemia, un periodo prolungato di tassi di interesse negativi e la necessità di costosi investimenti in tecnologie informatiche e riqualificazione del personale, stanno costringendo molte banche in Europa a rivalutare le proprie strategie. Lo scorso anno UBI Banca SpA è stata acquisita da Intesa Sanpaolo SpA, superando UniCredit come maggiore finanziatore italiano per patrimonio.

A differenza del suo predecessore, Orcel si è detto aperto a prendere in considerazione acquisizioni di altre banche. Ha tenuto colloqui semestrali con il ministero delle finanze italiano per acquistare alcune delle attività della banca in difficoltà Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, che è stata nazionalizzata nel 2017. Ma i colloqui di UniCredit con il governo sono falliti a ottobre.

La banca ha affermato che assumerà altri 3.600 dipendenti per rafforzare la sua rete aziendale e rendere la banca più digitale.

READ  L'Italia potrebbe essere l'ultimo Paese a introdurre un visto "nomade digitale" per i lavoratori a distanza

Prima di assumere la guida di UniCredit, Orcel ha lasciato la banca svizzera UBS Group AG nel 2018 dopo che il potente presidente della banca, Ana Botín, gli ha offerto la posizione di CEO presso la banca spagnola Banco Santander SA. Ma l’accordo fallì mesi dopo, dopo che Santander disse che non giustificava il suo pacchetto di risarcimento di oltre 50 milioni di euro.

Il sig. Orcel ha citato in giudizio Santander per circa 100 milioni di euro di danni, successivamente ridotti a 75 milioni di euro, sostenendo che la banca gli aveva offerto un contratto e che lo aveva annullato. La signora Botín e Santander hanno difeso il loro cambiamento nella nomina del signor Orcel, affermando che la lettera di offerta non costituisce un contratto secondo la legge spagnola. Un tribunale spagnolo dovrebbe pronunciarsi sulla controversia nelle prossime settimane.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x