Uno studio internazionale ha rilevato quantità senza precedenti di mercurio nell’Oceano Pacifico

TORONTO – Un team internazionale di scienziati ha rilevato quantità senza precedenti di mercurio altamente tossico nelle trincee del Pacifico che superano qualsiasi record precedente, superiore a molte aree direttamente contaminate da rifiuti industriali.

studiando, Pubblicato in Scientific Reports Mercoledì è stato uno sforzo multinazionale con studiosi provenienti da Canada, Danimarca, Germania e Giappone. I ricercatori hanno registrato le prime misurazioni dirette dei depositi di mercurio fino a 10 km sotto la superficie dell’Oceano Pacifico.

Lo studio indica che i sedimenti oceanici sono il più grande serbatoio o “bacino” per il mercurio, ma le misurazioni non sono state effettuate da una profondità di oltre sei chilometri. Il team ha campionato la fossa di Atacama, al largo delle coste del Perù e del Cile, e la fossa di Kermadec al largo della costa della Nuova Zelanda.

I ricercatori hanno trovato concentrazioni di mercurio fino a 400 nanogrammi (nanogrammi), mentre le misurazioni in altre parti degli oceani del mondo hanno registrato in media meno di 80 nanogrammi. Lo studio ha scoperto che i sedimenti della Fossa di Atacama contenevano concentrazioni di mercurio significativamente più elevate rispetto alla Fossa di Carmadec.

L’autore principale dello studio è Hamid Al-Ani Dichiarato in una dichiarazione “La cattiva notizia è che questi alti livelli di mercurio possono essere rappresentativi dell’aumento collettivo delle emissioni di mercurio nei nostri oceani”.

“Ma la buona notizia è che le trincee oceaniche funzionano come una discarica permanente, quindi possiamo aspettarci che il mercurio che finisce lì sarà sepolto per milioni di anni”, ha detto. “Le placche tettoniche trasporteranno questi sedimenti in profondità nel mantello superiore della Terra”.

READ  Il presidente del Messico proporrà un accordo sull'immigrazione durante il vertice americano sul clima

I campioni oceanici profondi contengono concentrazioni di mercurio vicine al livello di alcuni dei siti di piattaforma più inquinati del mondo come il Mar Bohai in Cina (574 ng) e il Bacino Laurenziano in Canada (520 ng).

Annie ha affermato che il mercurio presente nelle aree studiate dai ricercatori supera qualsiasi valore registrato in sedimenti marini lontani, ed è addirittura superiore a molte aree “direttamente inquinate” dai rifiuti industriali.

“La quantità di mercurio che è finito nelle trincee oceaniche è ancora motivo di preoccupazione”, ha detto. “Questo potrebbe essere un indicatore della salute generale dei nostri oceani”.

“Aiuterà a colmare un importante divario di conoscenze nel ciclo del mercurio: il tasso reale di rimozione del mercurio dall’ambiente globale nei sedimenti oceanici profondi”, ha affermato Peter Outride, ricercatore e coautore dello studio Natural Resources Canada.

I ricercatori affermano che lo studio mostra che i sedimenti nelle trincee del Pacifico sono “punti caldi” per l’accumulo di mercurio e che la prevalenza di inquinanti era “molte volte superiore” di quanto si pensasse in precedenza.

Lo studio richiede un campionamento aggiuntivo e ampio dalle profondità degli oceani per raccogliere più dati e migliorare la modellizzazione globale dell’inquinamento da mercurio.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x