Uno studio internazionale ha scoperto che le tue preferenze musicali sono legate alla tua personalità

Il tuo amore per una serie specifica di brani è legato alla tua personalità e, in tal caso, quell’associazione sarà la stessa indipendentemente da dove vivi nel mondo?

Secondo un recente studio pubblicato in Giornale di personalità e psicologia socialeche ha esaminato le preferenze musicali di oltre 350.000 persone in 50 paesi e sei continenti, le preferenze musicali erano correlate alla personalità in gran parte allo stesso modo, indipendentemente dalla posizione.

La canzone di Ed Sheeran Shivers è [just] È altrettanto probabile che gli estroversi che vivono nel Regno Unito attirino coloro che vivono in Argentina o in India”, a Comunicato stampa di studio inserzionista. “Quelli con tratti nevrotici negli Stati Uniti hanno le stesse probabilità di essere nei profumi del Nirvana come nello spirito di fico delle persone con una personalità simile che vivono in Danimarca o in Sud Africa”.

I ricercatori affermano che le loro scoperte mostrano che la musica può essere un potente fattore unificante e può effettivamente aiutare a sanare le divisioni nella società.

Lo studio ha rilevato che in tutto il mondo gli estroversi erano attratti dalla musica contemporanea, mentre le persone simpatiche apprezzavano la musica semplice e calma e le persone che avevano ottenuto un alto punteggio di apertura alla propria personalità apprezzavano la musica calma, contemporanea, intensa e sofisticata.

La musica contemporanea includeva musica deliziosa spesso con aspetti elettronici, mentre la musica considerata “sofisticata” nelle categorie di studio ha arrangiamenti più complessi e improvvisazioni strumentali, come il jazz.

Il rapporto tra la personalità e il tipo di musica che le persone apprezzano è rimasto coerente anche in molti paesi.

READ  La polizia di Saanich individua l'auto, arresta il sospettato ricercato per rapina a mano armata

“Siamo rimasti sorpresi dalla frequenza con cui questi schemi tra musica e personalità sono in tutto il mondo”, ha affermato David Greenberg, ricercatore associato emerito presso l’Università di Cambridge e scienziato post-dottorato presso la Bar Ilan University, nella dichiarazione.

“Le persone possono essere divise per geografia, lingua e cultura, ma se a un introverso in una parte del mondo piace la stessa musica degli introversi altrove, ciò suggerisce che la musica può essere un ponte molto potente. La musica aiuta le persone a capirsi e a trovare terreno comune”.

Per compilare i dati, i ricercatori hanno condotto due studi. Inizialmente, hanno chiesto a più di 284.000 partecipanti di completare un sondaggio su quanto apprezzassero 23 diversi tipi di musica occidentale. Nel secondo studio, a più di 71.000 partecipanti sono stati riprodotti online brevi clip di 16 generi di musica occidentale e poi è stato chiesto di registrare le loro preferenze sui brani.

I generi musicali sono classificati in cinque categorie: contemporanea, sofisticata, tranquilla, modesta e intensa. Mellow includeva canzoni romantiche, soft rock, R&B e canzoni contemporanee per adulti. I toni modesti includevano ritmi rilassanti, semplici e non aggressivi e intensi includevano suoni distorti e aggressivi come il rock classico, il punk e l’heavy metal.

Al fine di abbinare la personalità alle preferenze, ai partecipanti a entrambi gli studi è stato chiesto di riferire autonomamente sulla propria personalità in base ai punteggi ottenuti nelle categorie “Big Five”: apertura, coscienziosità, estroversione, gradevolezza e nevroticismo.

Questi termini rappresentano classi di personalità e fanno parte della teoria della personalità che è stata sviluppata per la prima volta nel 1949.

Sebbene non vi sia un consenso completo sull’esatto insieme di caratteristiche associate a ciascun tipo di personalità, in generale, nella teoria dei Big Five, “l’apertura” è associata all’immaginazione e alla spontaneità, la “coscienziosità” è associata all’essere riflessivi e orientati agli obiettivi, e l’estroversione sono coloro che sono attivati ​​dall’interazione sociale, la concordia è associata alla gentilezza e al desiderio di prendersi cura degli altri e il nevroticismo è associato alla tristezza e all’ansia.

READ  La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti il ​​6 gennaio manda in giudizio 10 ex aiutanti della Casa Bianca

Lo studio ha affermato che i ricercatori si sono concentrati sul chiedere ai partecipanti della musica occidentale perché ha la più grande portata globale in termini di ascoltatori.

Lo studio includeva mappe codificato a colori con la forza dell’associazione tra personalità e preferenze musicali associate.

Una mappa ha mostrato che mentre l’estroversione e la musica contemporanea erano fortemente correlate in tutti i paesi nello studio, erano più fortemente correlate in Brasile, mentre l’associazione era più debole in Cina.

I ricercatori hanno ipotizzato che l’estroversione fosse associata alla musica contemporanea ottimista. Hanno anche predetto correttamente che coloro che hanno ottenuto un punteggio alto nella categoria “coscienza”, che è associata all’organizzazione e al gradimento dell’ordine nella teoria dei Big Five, avrebbero meno probabilità di apprezzare la musica intensa a causa dei suoi testi spesso ribelli.

Una scoperta che è stata esclusa dal resto sono stati i gusti musicali di persone che si identificavano fortemente con il nevroticismo.

“Pensavamo che il nevroticismo sarebbe probabilmente andato in due modi, preferendo la musica triste per esprimere la loro solitudine o preferendo la musica gioiosa per cambiare il loro umore”, ha detto Greenberg. “In effetti, in media, sembrano preferire stili musicali più intensi, che probabilmente riflettono ansia e frustrazione interiori”.

“È stato sorprendente, ma le persone usano la musica in modi diversi: alcuni potrebbero usarla per sfogarsi, altri per cambiare il loro umore. Quindi potrebbero esserci sottogruppi che ottengono un punteggio elevato sul nervosismo che ascoltano musica tranquilla per un motivo e un altro sottogruppo che è più deprimente e probabilmente preferisce la musica intensa per sfogarsi.” Lo esamineremo più in dettaglio”.

READ  Biden ordina agli Stati Uniti di smettere di finanziare nuovi progetti di carbonio all'estero

Ha aggiunto che le preferenze musicali non definiscono la tua personalità specifica e che le preferenze possono cambiare nel tempo. I ricercatori ritengono che l’apparente universalità di cui le persone apprezzano, la musica, potrebbe aprire nuove strade per la comunicazione.

“Le preferenze musicali cambiano e cambiano, non sono scolpite nella pietra. Non stiamo suggerendo che ci dovrebbe essere qualcuno che è estroverso o semplicemente estroverso”, ha detto Greenberg.

“Tutti abbiamo serie di tratti della personalità e serie di preferenze musicali con diversi punti di forza. I nostri risultati si basano su medie e dobbiamo iniziare ad un certo punto per iniziare a vedere e comprendere le connessioni”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x