Uomini contati da Pioli. Tonali ritorna

E ‘un Milan collaudato, con assenze e tanti impegni ravvicinati, quello che domani sera a San Siro affronterà il Torino per la partita valida per il 17 ° round del torneo. Una squadra indubbiamente stanca ma orgogliosa, forte di spirito e pronta a mostrare ancora una volta l’identità combattiva che le ha permesso di raggiungere risultati importanti ed essere più forte della sfortuna. Se Milan Pioli, visto con la Juventus, è la squadra che si è riconfigurata e in situazioni di emergenza, allora quella che scenderà in campo contro i granata sarà una formazione obbligatoria per disponibilità e affidabilità. In attesa di recuperare, questi sono gli undici che domani sera affronteranno la squadra di Giampaolo.

Portaerei della difesa – L’ambiguità della posizione rossonera deriva dal fatto che centrocampo e attacco sono in piena emergenza mentre il difensore può contare sulla quasi totalità dei giocatori a disposizione, compreso il cavalletto e le riserve dichiarate fuori dalla gabbia del lungo raggio. Sarà la difesa rossonera domani sera ad essere annunciata titolare: davanti a Donnarumma ecco i soliti Calabria, Kjaer, Romagnoli e Theo Hernandez. Se, dopo una buona prestazione da centrocampista, il n. 2 rossonero torna sulla corsia di destra, Dalot siederà in panchina, ma potrebbe essere un passaggio importante anche nella ripresa, vista la riduzione della panchina a disposizione di Bioli.

Pietre del Ritorno – Il rientro dall’eliminazione di Sandro Tonale è senza dubbio una notizia positiva e l’unico recupero dagli inaccessibili giocatori del Milan. Il n ° 8 rossonero riprenderà il suo posto al fianco dell’insostituibile Casey che, nel match contro il Torino, dovrà fare più da pilota per il centrocampista del Milan. In attesa della squadra che può far rientrare alcuni giocatori dalla Primavera, l’unica potenziale precauzione per i due è il giovane Frigrio: in questo senso Tonale e Casey dovranno dimostrare, ancora una volta, il ruolo di appiccicoso tra difesa e attacco e quindi. Importanza per la squadra.

READ  Dal suo rapporto con Conte in Internazionale, Vidal ha detto: "La Juventus resta il nostro numero uno".

Scelte obbligatorie – La mancata presenza di Calhanoglu alla gara contro il Torino priva il Milan non solo della sua mente calcistica ma anche di un altro giocatore in attacco, costringendo Pioli a fare scelte obbligate. Quindi, dietro il punto solitario, c’è spazio per Huggie, Diaz e Castillejo. I tre rossoneri dovranno offrire una prestazione più consistente e convincente dalla partita contro la Juventus. Nel frattempo Leao dovrà fornire ulteriori prove di maturità, riprendendo la squadra e cercando di aprire spazi per gli inserimenti rapidi dei trequartisti rossoneri.

Milan (4-2-3-1): c. Donnarumma. Calabria. Come ingranaggio. Romanioli. Theo Hernandez-Casey. Tonali. Castillejo. Ibrahim. la scala. Liao

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x