Uragani di plasma spaziale rilevati sul Polo Nord – dove piovono elettroni | Notizie di scienza e tecnologia

Gli scienziati hanno affermato di aver confermato l’esistenza di uragani spaziali con una massa di 600 miglia attraverso il Polo Nord.

I ricercatori guidati dalla Shandong University of China hanno utilizzato i dati satellitari per identificare un tornado spaziale e hanno scoperto che non si trattava di un modello circolare proveniente dall’aria ma dal gas plasma ionizzato.

La massa ha riversato elettroni invece di acqua ed è durata circa otto ore prima di collassare.

Il professor Mike Lockwood, uno scienziato spaziale presso l’Università di Reading, ha detto che i tornado potrebbero essere un fenomeno globale su pianeti e lune con campi magnetici e plasmi.

“Fino ad ora, non è stata confermata l’esistenza di uragani di plasma spaziale, quindi dimostrarlo con un’osservazione così accattivante è incredibile”, ha detto.

Le tempeste tropicali sono associate a enormi quantità di energia e questi uragani spaziali devono essere creati dal trasferimento insolitamente ampio e rapido di energia eolica solare e particelle cariche nell’atmosfera superiore della Terra.

“Plasmi e campi magnetici nell’atmosfera dei pianeti sono presenti in tutto l’universo, quindi i risultati indicano che gli uragani spaziali dovrebbero essere un fenomeno diffuso”.

Ha scoperto che un uragano spaziale, avvenuto durante un periodo di bassa attività geomagnetica, condivideva molte caratteristiche con gli uragani nella bassa atmosfera terrestre: un centro tranquillo, bracci a spirale e rotazione ad ampio raggio.

Si prevede che porterà a effetti meteorologici spaziali quali aumento delle nubi satellitari, interruzioni nelle comunicazioni radio ad alta frequenza, aumento degli errori nei siti radar oltre l’orizzonte, navigazione satellitare e sistemi di comunicazione.

I risultati sono pubblicati su Nature Communications.

READ  Il controverso sito web sul consumo sicuro di Bari fa un ulteriore passo avanti

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x