USTR deve l’India, l’Italia e la Turchia per le tasse digitali; Stop ai dazi doganali

L’Office of the US Trade Representative, che ha pubblicato i risultati delle sue indagini sulla “Sezione 301” della tassazione digitale, ha affermato di non aver intrapreso azioni specifiche in questo momento, ma “continuerà a valutare tutte le opzioni disponibili”.

Reuters | 7 gennaio 2021 | Aggiornato alle 08:58

L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì che le tasse sui servizi digitali adottate da India, Italia e Turchia discriminano le società statunitensi e sono incoerenti con i principi fiscali internazionali, aprendo la strada a potenziali accuse di ritorsione. L’Office of the US Trade Representative, che ha pubblicato i risultati delle sue indagini nell ‘”Articolo 301″ sulla tassazione digitale, ha affermato di non aver intrapreso azioni specifiche in questo momento, ma “continuerà a valutare tutte le opzioni disponibili”.

Queste indagini sono tra le tante indagini ancora aperte nella sezione 301 dell’USTR Act che potrebbero comportare l’imposizione di commissioni prima che il presidente Donald Trump lasci l’incarico o all’inizio dell’amministrazione del presidente eletto Joe Biden. Tra questi c’è un’indagine più avanzata sulla tassa francese sui servizi digitali.

L’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha fissato una scadenza del 6 gennaio per applicare tariffe del 25% su cosmetici, borse e altre importazioni francesi del valore di $ 1,3 miliardi all’anno come rappresaglia contro le tasse digitali francesi. Mercoledì, però, non era chiaro se quei gruppi di attività sarebbero stati avviati come programmato. I portavoce dell’Office of the United States Trade Representative, Customs and Border Protection, l’agenzia responsabile della riscossione dei dazi doganali, non hanno risposto a molteplici richieste di commento.

L’Office of the United States Trade Representative (USTR) ha concluso che le tasse digitali imposte da Francia, India, Italia e Turchia discriminano le principali società tecnologiche statunitensi, come Google, Facebook, Apple e Amazon.com

Nel rapporto più recente, ha anche affermato che la tassazione indiana, italiana e turca era “irragionevole” perché “non è coerente con i principi fiscali internazionali, anche a causa della sua applicazione alle entrate piuttosto che al reddito, all’applicazione extraterritoriale e alla mancanza di certezza fiscale”.

Leggi anche: I leader mondiali esprimono il loro shock mentre i sostenitori di Trump prendono d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti

READ  Ministro delle finanze: è probabile l'accordo sulla tassazione digitale dell'OCSE

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x