“Vendiamo la maggior parte della Salicornia israeliana in Italia”

Frank Fischer è un pescivendolo nei Paesi Bassi da molti anni. Ma l’anno scorso ha aggiunto la salicornia israeliana, o samphire, alla sua fornitura di prodotti come il calamaro e il gornard rosso.

“Il commercio del pesce è molto competitivo, quindi abbiamo iniziato a cercare nicchie”, spiega Frank. “Ad esempio, 18 mesi fa, abbiamo iniziato a importare samphire dal nostro fornitore israeliano, Agriver. Sembra essere molto richiesto. Sorprendentemente, i nostri clienti italiani sono particolarmente interessati a questo prodotto”.

“Penseresti che lo importerebbero da soli, ma sembra che preferiscano trattare con un olandese”. Questa alga marina arriva in aereo a Liegi, in Belgio, tre volte a settimana e viene poi trasportata a un grossista nei Paesi Bassi.

“Le vendite di salicornia stanno dando impulso alla nostra attività. Le vendite di pesce e soprattutto di carne sono sotto pressione. D’altra parte, le verdure sono considerate alla moda e le vendite di alghe sono in aumento. Vorremmo fornire ai nostri clienti olandesi il samphire israeliano anche”, conclude Frank.

In Israele, la Salicornia viene coltivata a terra in tunnel di plastica. Si raccolgono a mano e crescono fino a 5-10 cm di larghezza e 4-7 mm. Dopo la raccolta, questo prodotto viene raffreddato a 2 °C per almeno 24 ore. Sebbene il samphire israeliano sia disponibile tutto l’anno, raramente lo è in ottobre.

per maggiori informazioni:
Frank Fisher
cibo in latta
Tel: +31 (0) 653 731 259
E-mail: f.visscher@tenfood.nl

READ  Il coronavirus ha 404 nuovi casi in un giorno, ma i pazienti ospedalizzati e in quarantena stanno diminuendo

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x