Venezia evita la designazione a patrimonio UNESCO in pericolo

Milano (AFP) – Venezia e il suo ambiente balneare hanno evitato di essere inseriti nella lista dei siti in pericolo dell’UNESCO giovedì dopo che l’Italia ha vietato alle enormi navi da crociera che attraversano il centro storico della città. I gruppi di conservazione hanno immediatamente criticato la decisione del Comitato del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Invece, il comitato, che si riunisce in Cina, ha chiesto all’Italia di fornire entro dicembre 2022 un aggiornamento sugli sforzi per proteggere Venezia dall’eccesso di turismo, dal calo demografico e da altre questioni che saranno prese in considerazione nell’incontro del 2023.

Il governo italiano si è mosso questo mese per evitare la valutazione di pericolo, impegnandosi a reindirizzare enormi navi da crociera dal 1 agosto dal centro storico della città a un porto industriale ancora all’interno della laguna veneziana. Il passaggio delle navi attraverso il Bacino di San Marco e il Canale della Giudecca, recentemente ripreso dopo una lunga pausa epidemica, è stato tra i motivi citati dall’UNESCO per includere lo status di Venezia a rischio.

Il ministro della Cultura italiano Dario Franceschini ha accolto con favore la decisione dell’UNESCO e ha elogiato la recente mossa del governo di vietare le navi di peso superiore a 25.000 tonnellate dai corsi d’acqua di Venezia di fronte alla Basilica di San Marco e al Palazzo dei Dogi.

“Ora, l’interesse globale per Venezia deve rimanere alto, ed è dovere di tutti lavorare per proteggere il lago e tracciare la strada per lo sviluppo sostenibile di questa realtà unica”, ha affermato Franceschini in una nota.

Ma i gruppi non governativi che fungono da monitor del processo hanno affermato che il divieto alle navi da crociera ha affrontato solo uno dei tanti problemi che minacciano Venezia, che includono l’eccesso di turismo, la gestione delle risorse culturali e naturali e il controllo dello sviluppo urbano.

READ  La contea di Schenectady annuncia il programma di borse di studio Arts Initiative; $ 30.000 disponibili

I gruppi hanno anche affermato che la decisione temporanea di attraccare navi da crociera nel porto industriale di Marghera rappresenta ancora un rischio per il lago e che non sono stati ancora messi in atto piani a lungo termine per gestire le navi e il turismo in città.

“Le questioni in corso che interessano il precario stato di conservazione di Venezia e del suo lago sono state a lungo collegate a un quadro di governance complesso e inefficace”, ha detto al Comitato dell’UNESCO Stefan Dombecki, capo di World Heritage Watch. “Manca una visione e una strategia a lungo termine che includano la comunità locale”.

Il turismo di massa a Venezia ha raggiunto un picco di circa 25 milioni di visitatori individuali nel 2019, mentre la città di oltre 50.000 abitanti perde circa 1.000 veneziani ogni anno.

Il mese scorso, il Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO ha raccomandato di aggiungere Venezia alla lista in via di estinzione come modo per allertare la comunità internazionale sulla gravità della situazione della città. Il direttore del centro, Michteld Rossler, ha dichiarato all’Associated Press che l’appuntamento ha lo scopo di rafforzare una risposta che aiuterà a proteggere i siti critici a rischio e a risolvere i problemi.

Tuttavia, tale designazione è ampiamente vista come un rimprovero all’amministrazione locale dei siti del patrimonio mondiale, luoghi il cui eccezionale valore universale per l’umanità è riconosciuto dall’UNESCO.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x