Vincenzo Nibali e la fine di un’era del ciclismo in Italia

Messina, Italia (VN) – È giusto che Vincenzo Nibali abbia confermato mercoledì che la stagione 2022 sarà la sua ultima.

A 37 anni, lo squalo messinese ha perso parte del suo morso nelle ultime stagioni.

Dopo aver perso la ruota sull’Etna nella tappa di martedì, la star dell’Astana-Kazakistan ha scelto di condividere la sua decisione con i fan della sua città natale e della sua famiglia in questa vivace città costiera.

È un ritorno a casa emozionante per un nepalese, e un addio ancora più toccante alla superstar italiana.

Leggi anche: Giro d’Italia: Vincenzo Nibali annuncia il ritiro a fine 2022

“C’era molta emozione a Messina, la mia casa, la mia famiglia, i miei amici”, ha detto Nebali alla RAI. Proceso Ala Tapa. “Aspettavo questa tappa da molto tempo. È la mia città ed è lì che tutto è iniziato per me. Questo sarà il mio ultimo Giro e voglio condividerlo con tutti”.

Il ritiro di Nabali segnerebbe la fine di un’era per le corse italiane e lascerebbe un enorme divario.

L’uscita di Nibali, infatti, rappresenta una crisi esistenziale per il ciclismo in Italia.

Questa fiera nazione ciclistica un tempo governava le strade europee e ne creò una campionissimo Ancora un altro per decenni.

Diventato professionista nel 2005, Nabali è stato l’evidente erede al trono del Giro di lunga data di artisti del calibro di Marco Pantani e Gilberto Simone e una generazione di italiani a volte controversi che hanno dominato gli anni ’90 e 2000.

Nabali è stato all’altezza del clamore, e poi alcuni.

Infatti è stato l’unico pilota a interrompere la gara Sky/Ineos con la maglia gialla che ha corso ininterrottamente dal 2012 al 2019 tranne un anno.

READ  Arcadia guida San Marino nell'inclinazione annuale del tennis: la Tribuna di San Marino

Quel singhiozzo si è verificato nel 2014 e Nibali è entrato nel vuoto lasciato dall’uscita anticipata di Chris Froome per consegnare l’ultima maglia gialla dell’Italia. A parte Fabio Aru, che ha battuto Nibali fino al ritiro, da allora nessun italiano si è più avvicinato.

Dopo la sua ascesa, le speranze della dirigenza italiana sono rimaste in gran parte sulle spalle snelle ma aggressive di Nibali.

Avrebbe vinto due maglie rosa, l’ultima in uno stile drammatico nel 2016. Dopodiché, non è mai riuscito a far scendere l’allenamento Sky/Ineos quando correva a tutto vapore.

Nibali è anche uno dei sette corridori ad aver vinto tutti e tre i Grand Tour, con la sua unica partecipazione alla Vuelta nel 2010. Tre anni dopo, Chris Horner ha fatto il ritorno di Nibali per vincere il titolo 2013, ma l’appartenenza di Vincenzo al club d’élite con tre vittorie sarà assicurata la prossima estate.

Nabali è la fine di un’era di biciclette moderne.

Per non dire che non era all’avanguardia della tecnologia e dell’allenamento, ma Nabali ha portato la vitalità della vecchia scuola e l’acume tattico nel suo stile di corsa che sembra quasi una pagina del suo passato ciclistico in bianco e nero rispetto ai watt attuali. Calcoli e tabelle di calcolo al computer.

L’imminente ritiro di Nabali non è stata una sorpresa completa.

La pandemia globale ha messo radici nelle ultime stagioni per il nepalese e, anche se sta ancora lottando per le recinzioni prima della fine di questo Giro, semplicemente non era lo stesso pilota che ha vinto quattro Grandi Giri e più di 50 gare durante i suoi 18 anni carriera.

READ  Aaron Ramsdale dell'Arsenal rivela come ha affrontato la "reazione violenta" dei fan dopo il suo trasferimento dallo Sheffield United

Lo ‘Squalo di Messina’ fa parte del Club Grand Tour ‘Grand Slam’

Nibali è uno dei soli sette corridori ad aver vinto i tre Grandi Giri. (Foto: Stuart Franklin/Getty Images)

Al suo apice, Alberto Contador era probabilmente l’unico in grado di eguagliare l’atteggiamento puramente aggressivo di Nibali nelle gare a tappe, e pochi piloti possono leggere una gara come Nibali. La sua vittoria in rimonta al Giro 2016 è stata la più attesa di lui e la più rivelatrice del suo carattere e dei suoi poteri.

Con l’imminente spedizione di Nibali che si avvicina al tramonto, l’Italia affronterà un futuro senza un grande contendente nei grandi tour.

I media italiani sopravvivono e prosperano promuovendo il “top” del ciclismo, che si tratti di campioni locali come Filippo Gana o Tadig Bogar.

Il malessere del ciclismo è iniziato in Italia molto prima della salita di Nibali. Una serie di scandali doping, crisi finanziarie e l’ascesa di americani, britannici e ora sloveni minano l’egemonia e l’influenza italiana nel gruppo.

La fine di Nibali mette alle corde le moto italiane.

Non ci sono “anziani” che aspettano dietro le quinte. Ganna è un campione olimpico, ma vince le cronometro e in pista, quasi niente che si anima, o vende giornali.

Aru è già in pensione, e corridori come Giulio Ciccone stanno provando a salire, ma dal basso non c’è molto talento. Oggi i giovani sloveni, britannici e colombiani fanno scalpore.

Senza Nibali, al ciclismo italiano mancherebbe una delle sue stelle più belle e vincenti. La sua eredità continuerà a essere tra le migliori nel ciclismo e tutti sperano che resista alla prova del tempo.

Nabali era l’ultimo della sua razza, un cavaliere d’attacco che correva per istinto e tattica. La sua carriera segnò la fine di un’era e l’inizio di un’altra.

READ  Conor McGregor avrebbe attaccato un DJ in Italia e gli rompeva il naso

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x