Visco dice: Non legare le mani della BCE a grandi aumenti che potrebbero portare a una recessione

(Bloomberg) — Il membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea Ignazio Visco ha messo in guardia dall’impegno dei suoi colleghi di aumentare significativamente i tassi di interesse, affermando che agire in modo troppo aggressivo aumenterà il rischio di una recessione.

“L’aumento dell’inflazione è ora accompagnato da un improvviso deterioramento delle prospettive di crescita economica”, ha affermato. “In questo contesto, aumenti molto rapidi e visibili dei tassi di interesse aumenteranno i rischi di una recessione”.

L’avvertimento del Governatore della Banca d’Italia ha fatto seguito a una serie di richiami per un ulteriore rialzo di 75 punti base nella riunione del 27 ottobre. Questo segna il secondo intervento in due giorni da parte del piccione della BCE dopo che il capo economista Philip Lane ha messo in guardia dal fare promesse dure per una grande mossa in una decisione ancora a settimane di distanza.

Fisco, che è tra i più pessimisti dei consiglieri, ha recentemente favorito osservazioni pubbliche meno frequenti ma ben scelte sull’andamento della politica rispetto ad alcuni suoi colleghi.

“Non vedo alcun motivo ovvio per legarci le mani con ipotesi di aumenti straordinariamente elevati, come quelli che a volte si possono leggere, e in alcuni casi estrapolazioni a decisioni più recenti o alle esperienze di altri paesi”, ha affermato. “Supporre che la BCE seguirà ciecamente la Fed nei prossimi mesi potrebbe essere un grave errore di calcolo”.

La Banca centrale europea è stata più volte accusata di agire troppo lentamente per combattere l’inflazione record. Ha guadagnato 125 punti base da quando i funzionari hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse a luglio. Ciò si confronta con i 300 punti base della banca centrale statunitense quest’anno, inclusi tre aumenti di 75 punti base.

READ  Amazon fa causa a oltre 10.000 gruppi Facebook per commenti falsi

Avviso Italia

L’Italia, la terza economia dell’eurozona, deve affrontare tempi difficili mentre Georgia Meloni si prepara a prendere il posto di primo ministro. L’economia dovrebbe diminuire rapidamente dal 3,3% di quest’anno a solo lo 0,6% nel 2023, secondo le ultime previsioni del governo.

Nel frattempo, l’inflazione ha raggiunto il 10% nell’Eurozona e il 9,5% in Italia a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e delle ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina.

Visco ha affermato che, sebbene sia giusto utilizzare mezzi finanziari per sostenere famiglie e imprese nella situazione attuale, i governi devono garantire che ciò non danneggi le generazioni future. “Per l’Italia, questo può anche comportare il rischio che il debito pubblico deraglia la sua attuale traiettoria discendente”.

© Bloomberg LP 2022

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x