Walter Hill è apparso in sella con la canzone “Dead for a Dollar.”.

Lido, Venezia, Italia – Mentre l’Occidente è spesso pronunciato “morto”, riappare costantemente come evidenziato da “Dead for a Dollar”, la classica apertura occidentale del venerdì.

I crediti di Hill includono “The Warriors”, il classico della guerriglia adolescenziale, e il franchise di poliziotti Eddie Murphy-Nick Nolte “48 HRS”, “Deadwood” e “Broken Trail” in TV. A 80 anni torna con un film western con Christoph Waltz nei panni del cacciatore di taglie Max Borlund e Willem Dafoe nei panni di Joe Crippens, la sua preda sociopatica.

Walter Hill ha diretto Dead for a Dollar, presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia. (Per gentile concessione della Mostra del Cinema di Venezia)

Rachel Brosnahan è la miserabile moglie di un uomo d’affari messicano tenuto in ostaggio per un riscatto di $ 10.000 dal fuggitivo dell’esercito nero Elijah Jones (Brandon Scott). Questa è una bufala. In effetti, sono amanti che cercano di scappare dal suo orribile marito e Borlund viene assunto per riportarla indietro.

Gli Stranieri di Hale vanno dal guerriero Geronimo a Wild Bill Hickok e al fuorilegge del dopoguerra civile Jesse James e la sua banda. Alla domanda sul motivo di questo interesse decennale, alla prima del film alla Mostra del Cinema di Venezia ha detto: “Sono innamorato di questo periodo”.

“Adoro fare film. Amo lavorare con attori e cavalli. Il paese è bellissimo e penso che ci sia nostalgia per una parte della storia americana che condividiamo tutti. C’è un’idea mitica dell’Occidente. In fondo va giù a tale.”

“Dead” di Hill, sebbene sia un classico per molti versi, è ben diverso da quelli degli anni ’50.

“Ho pensato che avrebbe dovuto avere una rilevanza moderna. È stato un tentativo nettamente diverso dall’approccio tradizionale. Abbiamo colto alcune possibilità perché c’è una differenza tra questi occidentali e i nostri atteggiamenti nei confronti dei nostri atteggiamenti nella società e degli atteggiamenti razziali di oggi”.

READ  The Wolves Club onorato dalla Italian American Heritage Foundation Ellwood City - Ellwood City, PA news

“È lo stesso tipo di film che cerca di valorizzare le tradizioni occidentali, ma non volevo fare un film congelato nell’ambra, come gli anni ’50 o ’30”.

“Ho avuto un’ottima conversazione con Walter quando mi ha parlato per la prima volta del suo desiderio di spingere alcuni dei confini del tradizionale Occidente e aggiungere qualcosa rispettando la sua storia”, ha detto Brosnahan.

“Le grandi storie iniziano con grandi personaggi e per me quel personaggio sembrava qualcosa che non avevo mai visto prima”.

Dafoe ha osservato: “Ho lavorato con Walter circa 40 anni fa in Streets of Fire, il mio primo film in studio”. “Walter mi ha fatto iniziare. Quando ha detto che voleva fare un film western – tutti i suoi film sono western – è stato facile dire di sì. E 40 anni dopo, è praticamente lo stesso ragazzo”.


Venerdì in streaming “Dead for Dollars”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x