Webinar sulla demenza che esplora i legami tra musica e cervello – Surrey Now-Leader

Un webinar sulla demenza il 9 giugno offre ai residenti di White Rock e ad altri interessati l’opportunità di esplorare i legami tra la musica e il cervello.

Questa sessione fa parte di una serie sviluppata dall’Associazione Alzheimer nella Columbia Britannica per condividere consigli pratici e informazioni.

Secondo un comunicato stampa del 19 maggio, “Music and the Brain: Key Considerations for Dementia” – alle 10 del mattino del 9 giugno – l’insegnante della McMaster University Chelsea McKinnon parlerà di come la musica può “ridurre il rischio di sviluppare la demenza e il collegamento si collega alla comunicazione e alla comunicazione. “”.

“Sta istruendo studenti, operatori sanitari e familiari su come utilizzare la musica nelle loro pratiche di cura”, si legge nella dichiarazione.

Altri webinar programmati a giugno includono l’opportunità di ascoltare direttamente le persone con demenza mentre riflettono su ciò che hanno appreso attraverso la loro esperienza con la malattia.

Il webinar Live Experience è fissato per le 10:00 di giovedì 24 giugno. In esso, Jim Mann, Mirna Norman e Craig Burns – sostenitori e membri della comunità che soffrono di demenza – condivideranno suggerimenti e strategie su come imparare a convivere bene con la malattia e tratteranno argomenti tra cui problemi di conoscenza del tempo, mancanza di iniziativa. , resistenza all’igiene, perdita di capacità e altro ancora.

Per un elenco completo dei webinar, per registrarsi o per accedere ai webinar registrati gratuiti, visitare http://www.facebook.com/groups/ alzbc.org/webinars


tholmes@peacearchnews.com
Come noi Il sito di social networking Facebook E abbiamo seguito Twitter

Malattia di Alzheimer White Rock

READ  La Grande Barriera Corallina "partorisce" in un enorme evento di deposizione delle uova nella barriera corallina

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x