Yuki Tsunoda dice che trasferirsi in Italia è stata la decisione giusta

Yuki Tsunoda Dice di trasferirsi in Italia per lavorare a stretto contatto con lui AlphaTauri La squadra ha già pagato dividendi dopo il miglioramento delle prestazioni in Azerbaigian.

Il rookie giapponese è arrivato in Q3 per la prima volta nella sua carriera in F1 a Baku e ha portato a casa la sua vettura in P7, dopo aver affrontato le critiche di Helmut Marko per le sue disgrazie a Monaco in precedenza.

Marko ha preso la decisione di trasferire Tsunoda in Italia per essere più vicino alla base di Faenza della sua squadra, e il giovane dice che gli piace passare più tempo con la sua squadra e, naturalmente, il cibo in Italia.

“Prima di Baku ho avuto dei weekend difficili, quindi il risultato è stato un buon feeling”, ha detto Tsunoda prima del Gran Premio di Francia.

“Rispetto alle gare precedenti, la mia preparazione è stata molto migliore del solito e davvero dalle FP1 mi sono sentito pronto.

“La settimana prima di Baku, mi sono trasferito in Italia, ho trascorso la maggior parte del tempo in fabbrica, studiando il nostro approccio nella settimana di gara e guardando ai problemi passati con la macchina.

“Abbiamo deciso di adottare un approccio leggermente diverso alla settimana di gara e di avere più conversazioni e ha funzionato davvero bene.

“In qualifica ho fatto il terzo quarto per la prima volta e in generale penso che abbiamo fissato una nuova linea di base su come affrontare la gara. Il risultato della gara è stato buono, sono molto contento, anche se è stato un peccato perdere un posto dopo il secondo tempo.

READ  Arrestato in Spagna l'ex capomafia italiano | notizie | DW

Dall’Azerbaigian sono tornato in Italia. Il tempo e il cibo sono buoni e potrei passare più tempo in fabbrica a parlare con gli ingegneri.

“Trasferirsi in Italia è stata la decisione giusta e una cosa davvero positiva per me, anche se significa che dovrò tornare nel Regno Unito per le sessioni di simulazione”.

Il capo del team Franz Tost ha dettagliato l’ampio programma che Tsunoda è messo in atto quotidianamente, ora più vicino al quartier generale del team, e il pilota giapponese spera di mostrare ulteriori miglioramenti al Gran Premio di Francia di questo fine settimana.

Avendo già avuto esperienza di corse a Le Castellet Tour, ritiene che sarà in grado di trovare il limite massimo della vettura molto più velocemente rispetto ai round precedenti.

“Per quanto riguarda il prossimo round, ho corso due volte con Paul Rijkaard in Formula 3, il che significa che la situazione è diversa dopo Portogallo, Monaco e Baku che erano tutti completamente nuovi per me, e questo sarebbe un fattore positivo”, ha continuato Tsunoda .

“Rickard sarà diverso nelle vetture di F1 e il settore 3 sarà fondamentale per la pista, dove il degrado delle gomme potrebbe essere un fattore importante.

“E’ una pista completamente pianeggiante e, a differenza delle ultime due gare, non ci sono muri! Ci sono aree di fuga molto grandi, quindi non devo stare attento con il mio approccio dove trovo il limite.

“In termini di messa a punto, sarà molto diverso dall’Azerbaigian, dove la nostra macchina ha fatto davvero bene, in quanto non ci sono curve ad angolo retto a bassa velocità. È una pista completamente diversa sotto ogni aspetto. Non vedo l’ora e spero Posso finire di nuovo i punti”.

Seguici su Twitter @ Planet_F1come noi ل pagina Facebook E il Unisciti a noi su Instagram!

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x