Zarco guida una Ducati 1-2-3 nella gara bagnata di San Marino FP2 – Motorsport Week

Johann Zarco ha aperto la strada in una seconda sessione di prove libere sul bagnato per il Gran Premio di San Marino a Misano, quando la Ducati ha dimostrato la sua abilità sulla pioggia chiudendo i primi tre.

Dopo che la pioggia battente ha inzuppato il posto nelle fasi finali delle FP1 venerdì mattina, il secondo test è iniziato con la pista già bagnata, costringendo 24 piloti MotoGP ad affrontare il Circuito di Misano su gomme da bagnato.

Una miriade di concorrenti ha assunto il ruolo di leader dei loro tempi a un certo punto mentre le condizioni della pista continuano a migliorare, con i piloti Desmosedici che comunemente emergono verso l’altezza della torre di cronometraggio.

Gli ufficiali Ducati Francesco Bagnaia e Jack Miller hanno confermato la loro presenza verso la vetta all’inizio della sessione conclusiva, con il primo che guidava di centinaia il compagno di squadra.

Zarco alla fine Anche se ha superato l’ultima sessione della giornata di apertura del GP di San Marino, il pilota di Pramac ha fatto un grande sforzo quando la pista ha iniziato ad asciugarsi lentamente alla fine del Round 1:42.097 lasciandolo al comando della 0.553s Bagnaia.

Il vincitore del GP di Aragon ha guidato Miller di altri dieci secondi per completare le prime tre Ducati in testa alla classifica, con Joanne Mir migliore degli altri su una Suzuki al quarto posto.

Marc Marquez ha completato i primi cinque per la Honda come l’ultimo uomo entro un secondo dall’indicatore di punta di Zarco, Miguel Oliveira della KTM con il sesto miglior tempo.

READ  Gucci ospita la prossima sfilata di moda in Puglia, Italia

Danilo Petrucci è tornato in vita in condizioni di scivolata finendo settimo per Tech 3 davanti ad Aleix Espargaro dell’Aprilia, mentre Iker Lecuona della Tech 3 RC16 ha concluso nono nonostante la brutta caduta al termine dei test.

Andorran ha perso la parte posteriore della KTM con l’acceleratore durante le manovre alla curva 1, con Lecuona che è caduto dal suo meccanismo e si è preso duro sulla schiena all’uscita della curva.

È riuscito a fuggire dal luogo dell’incidente, ma ha scelto di non ritirarsi dopo.

Alex Marquez ha chiuso la top 10 con la sua Honda LCR, mentre lo sprinter più veloce su Yamaha è stato Franco Morbidelli al 13° posto.yIl leader della serie Fabio Quartaro, Modest 18y Dietro il leader delle FP1 Maverick Vinales mentre le lotte sul bagnato della M1 sembrano continuare.

Nel frattempo, Enea Bastianini è finito ancora una volta come il rookie più veloce nonostante sia caduto in anticipo alla curva 1, il campione della Moto2 campione della Moto2 ha perso l’anteriore di una Ducati preparata da Avintia mentre frenava sui dossi all’ingresso della curva.

Andrea Dovizioso continua a fare esperienza con il suo nuovo cavallo Yamaha in tutte le condizioni, l’ex pilota Ducati ha concluso il Day 21S 2,4 secondi sopra i 2,4 secondi di Zarco per la sua prima corsa sul bagnato significativa in un anno.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x