Zelensky afferma che il mondo crede che l’esercito russo sia responsabile di “crimini di guerra”

(Mikhail Klementev/Sputnik/AFP/Getty Images)

Il presidente russo Vladimir Putin ha offerto diverse spiegazioni per il suo Paese guerra all’ucrainaAlcuni sono più ragionevoli di altri. Includono l’arresto dell’avanzata della NATO verso i confini della Russia e la protezione dei loro compagni russi dal “genocidio” o dall’affermazione infondata della “de-nazificazione” in Ucraina.

Nel frattempo, il sacerdote di grado più alto della Chiesa ortodossa russa ha dato un motivo completamente diverso per l’invasione: le sfilate del gay pride.

Patriarca Kirill Ha detto la scorsa settimana che il conflitto è un’estensione di uno scontro culturale fondamentale tra il più ampio mondo russo ei valori liberali occidentali, esemplificato da espressioni di gay pride.

Tuttavia, gli esperti affermano che i commenti di Kirill forniscono importanti spunti sulla più ampia visione spirituale di Putin di un ritorno all’impero russo, in cui la religione ortodossa gioca un ruolo fondamentale.

Ma la linea dura del patriarca russo gli costa anche seguaci. La Chiesa ortodossa russa di Amsterdam ha annunciato domenica di aver interrotto i rapporti con il leader, l’ultimo di numerosi sacerdoti e chiese ad abbandonare Mosca a causa della guerra in Ucraina.

“Putin ha avanzato questo concetto del cosiddetto mondo russo e questo concetto è radicato nell’ortodossia russa”, ha detto alla CNN Victoria Smolkin, professoressa associata di storia alla Wesleyan University.
“Il mondo russo in cui ci sono persone di lingua russa e il mondo russo in cui c’è una chiesa russa – non riconosce i confini politici esistenti”, ha detto Smolkin.

George Michaels, professore di storia all’Università della California Riverside, ha detto alla Galileus Web che la visione di Putin è supportata da Kirill, che vede anche l’Ucraina come parte storica e integrante della sua chiesa russa.

READ  Taiwan registra la più grande incursione mai registrata dell'aeronautica militare cinese | China News

“All’inizio della guerra, il patriarca Kirill ha tenuto un sermone in cui ha sottolineato l’unità data da Dio di Ucraina e Russia”, ha detto Michaels in una lettera. Intervista all’UC Riverside News.

Michaels ha spiegato che “Kirill ha denunciato” le forze del male “in Ucraina che stanno lavorando per distruggere questa unità”.

Domenica scorsa, Kirill ha fatto un ulteriore passo avanti durante un sermone a Mosca, quando ha collegato specificamente “le forze del male” agli eventi del gay pride.

Secondo il patriarca, la guerra in Ucraina riguarda “il rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori offerti oggi da coloro che rivendicano il potere globale” – cioè l’Occidente.

Il “test” da che parte stai è se il tuo paese è disposto a organizzare parate del gay pride, ha detto Kirill.

“Per entrare nel club di quei paesi, è necessario organizzare una parata del gay pride. Non per fare una dichiarazione politica, ‘Siamo con te’, non per firmare accordi, ma per fare una parata gay”, ha affermato. disse durante il suo sermone del 6 marzo.

“Se vediamo violazioni [God’s] Legge, non tollereremo mai coloro che infrangono questa legge, offuscano il confine tra santità e peccato, e ancor di più con coloro che promuovono il peccato come esempio o come uno dei modelli del comportamento umano”, ha affermato Kirill. “Questa questione oggi è una vera guerra”, ha aggiunto.

Il discorso di Kirill ha denunciato l’infiltrazione dei valori liberali occidentali nei cuori e nelle menti di coloro che, secondo lui, erano storicamente unitari, ortodossi e ucraino-russi.

“Dice che c’è uno scontro di civiltà e le parate del gay pride in questo romanzo sono una vera prova di quale parte stai”, ha detto Smolkin.

READ  PD sceglie la saggezza del percorso: sono necessarie regole rigorose per proteggere la scuola

Nonostante gli appelli di Kirill a denunciare la guerra di Putin, il “papa russo” non solo si è rifiutato di farlo, ma ha invece fornito una legittimità morale alla conquista descrivendola come una lotta “metafisicamente significativa” della scelta dell’umanità di seguire le leggi di Dio.

“La Chiesa ortodossa russa offre molto simbolismo e ideologia che Putin ha usato per aumentare la sua popolarità”, ha aggiunto Michaels.

Per saperne di più.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x