5 cose sul patriarca Gucci – Hollywood Life

I fan si interrogano sui personaggi dell’illustre “Casa di Gucci” e sulla loro storia reale. Qui analizziamo 5 cose da sapere su Aldo Gucci, il capofamiglia che ha portato il marchio da una piccola impresa a un marchio globale.

tutto il mondo Gucci House La prima si avvicina costantemente e, come tale, la storia complessa e folle della famiglia Gucci è in prima linea nelle menti dei fan. Guarda l’elenco dei meravigliosi attori del film Adam Driver Come Maurizio Gucci, Lady Gaga Come Patricia Gucci e la leggenda di Hollywood Al Pacino Come patriarca della famiglia Gucci, Aldo Gucci.

Qui dettagliamo cinque fatti affascinanti sull’uomo d’affari fiorentino Aldo che prese l’attività di pelletteria di una piccola città di suo padre e la espanse in un impero globale.

Aldo nasce in una famiglia che risale al XIII secolo

Aldo Gucci all’apertura del suo nuovo negozio sulla Fifth Avenue a New York, 1980 (Shutterstock).

Aldo Gucci è nato il 26 maggio 1905 a Firenze, in Italia, da due genitori Guccio Gucci e Aida Gucci (nata Calvelli). Nacque da una famiglia toscana del XIII secolo proveniente dalla vicina città di San Miniato. Aldo era il maggiore di cinque figli e aveva tre fratelli, bascoe Rodolfo e Enzo (morto all’età di nove anni) più una sorella, Grimalda. Aveva anche un fratello adottivo, ogoDalla precedente relazione di sua madre.

Aldo ha sviluppato un interesse per l’equitazione e la botanica e ha continuato a laurearsi in economia presso il Collegio San Marco di Firenze, dandogli il senso degli affari necessario per il futuro del marchio Gucci.

Aiuta ad espandere l’impero Gucci

Paulo, Aldo e Rodolfo Gucci
Paolo, Aldo e Rodolfo Gucci hanno partecipato all’apertura del negozio dell’azienda in Old Bond Street a Londra (Shutterstock).

Il padre di Aldo, Guccio, era un uomo d’affari e stilista italiano, lui stesso figlio di un padre artigiano della pelle, Gabriello Gucci. Guccio fondò la Maison Gucci a Firenze nel 1921 e vendeva selle, articoli in pelle e altri accessori per cavalieri. Fu Aldo, che aveva iniziato a lavorare part-time nel negozio del padre negli anni ’20, a convincere il padre ad aprire un secondo negozio a Roma nel 1938. Poi l’attività individuale di Guccio si trasformò in un rapporto familiare che includeva Aldo e gli altri due figli, Vasco e Rodolfo, che si espandono in un’azienda, vestiti e mercanzie più grandi. Quello era, ovviamente, solo l’inizio.

READ  Modi: il Presidente del Consiglio Modi visiterà l'Italia e il Regno Unito dal 29 ottobre al 2 novembre; Per partecipare ai vertici sul clima del G20

Crea il logo “GG” originale

Aldo Gucci
Aldo Gucci, E.; fine degli anni settanta. (lotta per le azioni)

Dopo che il marchio Gucci ha iniziato a crescere, è stato catapultato verso la celebrità quasi da un giorno all’altro dopo una star del cinema. Ingrid Bergman Portare l’ombrello e la borsa di bambù nel film di Roberto Rossellini del 1954 io viaggio in italia, rendendolo un segno distintivo delle élite di Hollywood ed europee. Per aiutare a cementare il marchio in un vero status iconico, Aldo ha sostituito il suo stemma di famiglia originale con l’ormai popolare doppia G, scegliendo di giocare sulle iniziali di suo padre. Il logo “GG” è ora, ovviamente, uno dei marchi più riconoscibili oggi.

Condannato al carcere per evasione fiscale

Aldo Gucci
Aldo Gucci (Shutterstock)

Nel 1980, il figlio di Aldo, Paulo Gucci Ha cercato di avviare un’attività in proprio come Gucci – un ovvio punto di contesa con suo padre, che ha finito per fare causa a suo figlio e minacciare qualsiasi fornitore Gucci con cui è entrato in contatto. Paulo quindi cercò vendetta, e fu rimosso dall’azienda nel 1984 con l’aiuto di suo cugino, Maurizio Gucci, divenuto da poco azionista di maggioranza della società.

Paulo ha anche denunciato all’IRS l’evasione fiscale di suo padre, che ha causato la condanna di Aldo a un anno e un giorno di carcere per 7 milioni di dollari per evasione fiscale a New York. Aldo, allora 81enne, ha scontato la pena in un campo di prigionia federale alla base dell’aeronautica di Eglin, in Florida.

JFK lo ha onorato come Ambasciatore della Moda Italiana

Aldo Gucci
Aldo Gucci (Shutterstock)

Nonostante i suoi disaccordi con il governo degli Stati Uniti, Aldo ha ancora un’eredità indimenticabile del suo tempo lavorando con il marchio Gucci. L’uomo d’affari è stato onorato dal presidente degli Stati Uniti Giovanni F. Kennedy Come primo ambasciatore italiano per la moda, ha anche ricevuto una laurea honoris causa dalla City University di New York in riconoscimento dei suoi sforzi e contributi filantropici. per ogni New York volteDescritto anche come il “Michelangelo del merchandising”, Aldo ha iniziato ad aprire negozi a Chicago, Palm Beach e Beverly Hills, espandendo l’impero Gucci in tutto il mondo in luoghi come Tokyo e Hong Kong.

READ  Incendi nel sud Italia, morto un uomo

Nel 1990, Aldo morì all’età di 84 anni a Roma per complicazioni del cancro alla prostata. Fu sepolto nel mausoleo di famiglia a Firenze.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x