A proposito di Jhumpa Lahiri, del suo “luogo in cui si trova” e della natura delle identità in continuo mutamento

La mia copia da Stesso nome Vive sulla mia libreria in un facile accesso. Ripiano in alto a destra, tutto a sinistra. A meno che non te lo indichi, probabilmente l’hai perso: i danni causati dalla luce solare hanno lasciato il testo sul dorso in qualche modo illeggibile. Accanto a lui ci sono altri libri Jumba di Harry, alcuni sono in condizioni migliori, anche se la mia copia proviene da Interprete di malattie Sbiadito altrettanto. Ho ricevuto entrambi nuovi di zecca all’età di 12 anni, quando ero rinfrescato con gli occhi luminosi. Il tempo ci spezzerà, ci spoglia della nostra vernice e ci lascerà al nostro punto più vulnerabile. Trovo che questa sia una metafora appropriata per la carriera di Lahiri.

L’ultimo libro dell’autore, La loro ubicazione, È una deviazione dai suoi scritti precedenti. I suoi romanzi precedenti (Stesso nome E il Pianure) E gruppi di storie (Interprete di malattie E il La Terra non è normale), Diario (In altre parole), E innumerevoli articoli e opere non raccolte si concentrano tutti sulle esperienze dei bengalesi o di altri popoli dell’Asia meridionale – più specificamente, il loro spostamento negli spazi bianchi dominanti. Ma La loro ubicazione È un romanzo che si differenzia per forma e stile; Anche descriverlo in un romanzo sembra sbagliato. La loro ubicazione Si legge come riflessioni su vignette o brevi episodi, ognuno dei quali non supera le poche pagine. La selezione della funzione, come il nome e l’impostazione, è stata eliminata. Non conosciamo il nome del narratore o il luogo in cui si trova (questo è stato fortemente accennato La loro ubicazione Ambientato a Roma, anche se questo non viene mai menzionato esplicitamente). Alla fine, non sappiamo nemmeno dove stia andando.

Questo cambiamento ha avuto effetti polarizzanti sui critici e sugli ammiratori di Lahiri. Scrittrice bengalese, Megha Majumdar, autrice bruciareDa allora è stata attratta dagli scritti di Lahiri Interprete di malattieChe ha letto da bambina a Calcutta. È altrettanto appassionata di questa nuova tendenza. “La loro ubicazione Sorprendentemente, è molto diverso dai suoi romanzi che ho letto prima, “Majumdar Tells Bustle”. Vedo in esso uno scrittore che sfida se stesso, persegue nuove ambizioni artistiche e una nuova comprensione di cosa potrebbe essere un romanzo – e lo trovo molto tonificante.

READ  Kim Sharma ha scelto per il ritorno al passato giovedì

Altri non sono entusiasti. anche se La loro ubicazione Ha recensioni generalmente positive, alcune delle quali rivelano preoccupazioni. Scrive “Blame Hemingway” Washington PostRon Charles, In riferimento al paradigma frequentemente imitato di Hemingway nei romanzi anti-fronzoli e anti-fronzoli a zig-zag. Madeleine Thien scrive in New York Times Questa recensione La loro ubicazione “Sembra un compito impossibile perché il lavoro è stato ridotto al suo nucleo, arrivando come area di attesa per il prossimo lavoro”. Queste critiche non sono nuove. Lahiri è sempre stata disciplinata per aver deviato dal suo percorso previsto. In un’intervista del 2017 con Lit Hub collegata a un In altre paroleE il Un’altra digressione nello stile e nella struttura, ha affermato che un numero di colleghi fidati non l’aveva incoraggiata a condurre tali esperimenti pubblicamente. Ma per Lahiri, scrivere non significa necessariamente lettore: è un’espressione personale. Le persone cambiano. Deve esserci spazio per farlo.

Ho scoperto gli scritti di Lahiri subito dopo Stesso nome È stato pubblicato. Mi ha consigliato la mia bibliotecaria della scuola media, una donna bianca che indossava molti toni gioiello e che a volte mi permetteva di sedermi con lei in biblioteca durante il pranzo – e una delle poche persone che pronunciava correttamente il mio nome. Come americano di discendenza iraniana in una comunità prevalentemente bianca, anch’io sono stato sfollato, sebbene sia nato e cresciuto nel sud della California. Il mio istinto e il mio aspetto bruno hanno entrambi contribuito in egual modo alla mia separazione dagli altri, quindi mi sono rivolto ai libri come sostituto delle relazioni reali che desideravo. Quando un’amica della biblioteca mi ha dato la sua copia di Stesso nome, Ha detto che sarei imparentato con esso perché riguarda anche gli immigrati indiani. Non le ho detto che non ero indiano, ma iraniano, o che non ero un immigrato, ma che ero un figlio di immigrati. Sono nato in America, letteralmente a dieci minuti dalla mia scuola elementare. Ma l’ho ringraziata lo stesso e ho messo il libro nella borsa. L’ho finito in pochi giorni e non l’ho mai restituito.

READ  James Fox e Dom Woo lanciano la nuova etichetta di intrattenimento Rollercoaster Television

Poteva Stesso nome Mi hai consigliato solo perché il mio bibliotecario, come molti altri, credeva che le persone del Medio Oriente e dell’Asia meridionale fossero un gruppo omogeneo, due facce della stessa medaglia. Questo non è vero, ma non è del tutto sbagliato. Dopotutto, negli spazi bianchi tutto ciò che vedono è marrone. Le identità non sono solo auto-creazione; Negoziano costantemente tra sé e la società, tra l’auto-realizzazione e le percezioni degli altri. A volte questo può essere divertente, ma spesso è dannoso. Le aspettative esterne gravano sulla nostra autoidentificazione. Immagino sia per questo che vedo così tanto di me stesso nei romanzi di Lahiri

Ero troppo immaturo per capire come Stesso nome Parla a un discorso più ampio sugli immigrati in America. Sto ancora parlando della lotta di Gogol, che è un figlio di Biggali immigrati che vivono in America e che non si sente a casa in nessuno dei mondi in cui vive. Non avevo ancora letto qualcosa che risuonasse con il mio esodo nel posto che avrei dovuto chiamare casa. Indipendentemente dal fatto che fossero indiani o iraniani, mi ha fatto sentire un po ‘solo quando ho saputo che esistono personalità del genere. In quanto persone sottorappresentate, è quasi inevitabile che non ci associamo a qualcuno che ci somiglia, anche se non è un riflesso perfetto. Ma Lahiri non scrive per codificare questa diaspora. Invece, i suoi scritti trasmettono le nostre paure su noi stessi, che sono spesso sentite dagli immigrati o da chi vive all’estero.

Lahiri persegue il cambiamento e persegue l’ispirazione. Nel 2011, Lahiri si è trasferita da Brooklyn a Roma. Era sola in America, dove ha vissuto gran parte della sua vita, ma l’Italia, nella sua vastità, si sente come a casa sua. L’immersione nella lingua italiana le ha conferito una maggiore titolarità della propria identità; Non c’era niente da trasmettergli, come l’inglese o il bengalese. Ho iniziato a scrivere seriamente in italiano, e solo per un po ‘ In italiano. Questa nuova nave di espressione creativa si è rivelata più produttiva del previsto. Entro il 2015, il suo diario In altre parole Rilasciato in Italia e tradotto in inglese – In altre parole – Di Ann Goldstein. Subito dopo, il suo articolo Vestiti per i libri Pubblicato in forma di libro, tradotto dal marito, Alberto Forvolias Bosch, come Prenota vestiti. scrissi dove sono – Versione italiana di La loro ubicazione – A scatti quando è tornata a Roma, ora divide il suo tempo tra Roma e Princeton, nel New Jersey. Risultato della lettura La loro ubicazione Ti sembra di leggere le pagine del suo diario privato. Il confronto è inevitabile: l’identità di Lahiri è in continuo mutamento, così come le sue personalità. Attraverso La loro ubicazioneLahiri ci dice che non è sempre necessario essere un estraneo per sentirsi come qualcun altro.

READ  TCL 20 5G e TCL 20 SE sono i nuovi smartphone economici per l'intrattenimento

Quando mi sono trasferito a New York City un paio di anni fa, ho letto di nuovo Interprete di malattie In un viaggio attraverso il paese. Dopo aver trascorso 27 anni nel sud della California, la mia città natale che non sembrava per niente a casa, sono dovuto partire per – scusate i cliché – “ritrovarmi”; Come la leggenda del pesce rosso, sentivo che la mia crescita era limitata dai limiti del mio ambiente. Cercavo nuove motivazioni e ispirazioni. Se non mi fossi trasferito, sarei stato emotivamente e intellettualmente più basso. Allo stesso modo, se Lahiri non avesse esplorato un nuovo regno emotivo e intellettuale, sarebbe stata anche stentata. Lahiri mi ha mostrato che non sempre c’è una ragione chiara per cambiare, o questo bisogno urgente di “ritrovare noi stessi”. Succede e basta, e dovrebbe essere celebrato. Il rimprovero di Lahiri per questa fluidità – lo stesso motivo per cui abbiamo salutato la sua scrittura – sembra immacolato. Il bisogno di cambiamento è una parte vitale della crescita personale.

La loro ubicazione Ora sono seduto sul mio scaffale, fianco a fianco con gli altri libri di Lahiri. Anche questa nuova versione si consumerà nel tempo. Le pagine diventeranno gialle e strappate e la copertina lucida del libro alla fine perderà la sua lucentezza. Ma indipendentemente dalla sua erosione esterna, le sue parole sono sempreverdi. È il modo in cui interpretiamo e interiorizziamo queste parole dentro di noi che cambia con la crescita. Il cambiamento non è abbandono. Sta tornando a casa.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x