― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentA una fan di Taylor Swift è stato negato l'accesso in sedia...

A una fan di Taylor Swift è stato negato l’accesso in sedia a rotelle per il suo Eras Tour, afferma che gli organizzatori non sono riusciti a procurarle un biglietto

A Swiftie racconta il suo difficile viaggio per assicurarsi un posto accessibile in sedia a rotelle per uno spettacolo dell’Eras ​​Tour.

Silvia Stoyanova35 anni, ha parlato con diversificato Degli eventi che l’hanno portata ad acquistare uno spazio pubblicitario a Times Square, chiedendo a Milano, lo stadio italiano di San Siro, di permetterle di guardare lo spettacolo.

A giugno, Swifty aveva dichiarato di aver acquistato un biglietto per la prima parte dell’appuntamento di Swift a Milano nel luglio 2024 per 300 euro ($ 320). Entusiasta di vedere la Swift in concerto per la prima volta, Stoyanova ha detto che sapeva di dover agire in fretta per ottenere un biglietto.

“Taylor non viene in Italia da 13 anni e i biglietti si esauriranno rapidamente”, ha detto.

Secondo Stoyanova, è andata sul sito TicketOne non appena i biglietti sono stati venduti e ha visto un testo giallo in grassetto che chiedeva alle persone con disabilità di contattare la direzione del concerto. Il sito web non indicava esplicitamente chi contattare nel luogo, quindi ho cercato finché non ho trovato le informazioni di contatto di due coordinatori del tour.

“Ho subito chiamato il loro numero principale. Mi ha risposto una giovane donna. E io ho detto: ‘Guarda, sono su una sedia a rotelle e sono una persona disabile. Vorrei prenotare un biglietto per uno degli appuntamenti di Taylor Swift. Cosa devo fare?’ “Torna al nostro sito web, scarica il modulo e inviacelo”, ha detto. “Ho detto, ‘OK, ma pensavo che Taylor non venisse in Italia da 13 anni, e i biglietti si sarebbero esauriti velocemente. Quindi, nel frattempo, comprerò un biglietto in un posto accessibile in sedia a rotelle”. zona”, ricorda Stoyanova.

READ  Amitabh Bachchan diventa narratore per Radheshyam, protagonista di Prabhas, Pooja Heigd ringrazia Shaheen Shah per il gesto

Pensando che questo biglietto da 300 euro nella parte anteriore, in una sezione erbosa autonoma dello stadio, potesse adattarsi alla sua sedia a rotelle, se necessario, Stoyanova è andata avanti e l’ha acquistato prima di sentire gli organizzatori dell’evento, che poi le hanno detto che i biglietti delle persone erano stato esaurito Persone con disabilità.

“Ma poi ho scoperto che questo tipo di biglietti erano già esauriti quando ho chiamato”, ha detto al punto vendita. “Quindi mi stavano solo dando la soluzione. Gli organizzatori avrebbero dovuto dirmelo, invece di chiedermi di compilare il modulo. Poi gli organizzatori mi hanno detto che ‘per motivi di sicurezza’ non avrei potuto utilizzare il biglietto. ” Ho comprato.”

Ha detto che Stoyanova era disabile e ha trascorso gran parte della sua vita su una sedia a rotelle. Vedere Taylor Swift esibirsi, in particolare la sua canzone preferita “Long Live”, è qualcosa che ho sempre sognato.

“La mia salute è peggiorata molto negli ultimi due anni, e mi ha portato ad una depressione che fino all’anno scorso mi aveva privato della voglia di vivere. È stata Taylor a sostenermi con la sua musica. Per me è stato la cosa che mi ha fatto andare avanti”, ha detto a Variety. “Sento il bisogno di realizzare il mio sogno.”

Dopo aver preso l tic toc per spiegare la situazione ai suoi compagni Swifties italiani e vedere se qualcuno ha idee su come potrebbe entrare allo spettacolo in sicurezza – oltre a lanciare una petizione su… Change.org che da allora ha raccolto quasi 40.000 firme – Stoyanova afferma di essere stata contattata da un avvocato pro bono per aiutarla a parlare con la sede e gli organizzatori.

READ  Noodle Me aprirà al Crossroads Collective Food Hall di Milwaukee

“Quello che è successo è che questa donna, che è un avvocato e anche una grande fan di Taylor, mi ha chiamato e mi ha detto che anche lei era su una sedia a rotelle per un po’”, ricorda. “Lei, per simpatia, ha voluto sostenermi e si è offerta di aiutarmi gratuitamente. Ho rivolto domande agli organizzatori su una serie di questioni legali, compreso il motivo per cui fissano solo un limite di 110 biglietti per le persone con disabilità quando si gioca a San Siro. è permesso.” “Si sa che il numero è 200. Non abbiamo mai avuto risposta.”

Stoyanova ha anche contattato pubblicamente il Ministro italiano per la Disabilità, Alessandra Locatelli, e ha tirato fuori un cartellone pubblicitario che è rimasto in circolazione a Times Square per 24 ore.

“Perchè non io?” si chiedeva il cartellone pubblicitario, insieme a una foto di Stoyanova sulla sua sedia a rotelle e al suo account sui social media.

Ha detto che il suo obiettivo in tutto questo era quello di assicurarsi un biglietto per un’area “dignitosa” del luogo dove sua madre (il suo tutore legale) potesse accompagnarla.

“Non insisto per essere nella zona in cui ho acquistato il biglietto”, ha detto. “Mi ha detto che avrei preso un altro posto e per me va bene. Voglio solo andare al concerto. Ovviamente, purché sia ​​un posto decente dove una persona disabile possa vedere Taylor. Non ci conto” .” No, ho un biglietto da 300 euro e devo avere questo posto!” “Anche se ho dovuto pagare 300 euro a rate, è un sacrificio che ho fatto per un mio sogno importante”.

READ  Come guardare "Crudelia" su Disney +

“Il design dell’evento è stato deciso mesi prima della vendita dei biglietti. L’area riservata alle persone con disabilità è stata determinata in un’area non sul prato antistante e la dimensione dello spazio [allocated for people with disabilities] “È stato deciso in base allo spazio fornito dallo stadio San Siro in linea con gli attuali standard di sicurezza”, ha detto a Variety Mimmo D’Alessandro, amministratore delegato di Mimmo D’Alessandro e Adolfo Galli, promotori dell’Eras ​​Tour in Italia di Taylor Swift. un permesso.

“Come molte persone che non hanno potuto acquistare i biglietti durante la vendita generale, non tutte le persone con disabilità hanno ricevuto immediatamente la conferma che la loro domanda era stata accettata. La differenza è che la cosiddetta ‘lista d’attesa’ dedicata alle persone con disabilità è costantemente aggiornata “, ha aggiunto. Sulle cancellazioni.

Swift non ha commentato pubblicamente la situazione. Lo Stadio San Siro non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di un giornalista.