Agnelli dice che lasciare la Juventus ‘non è facile’, difende New Indian Express

di Francia Agenzia di stampa

ROMA – Il presidente uscente della Juventus Andrea Agnelli, che si è dimesso tra accuse di falso in bilancio al più grande club di calcio italiano, martedì ha detto agli azionisti che lasciare è stato difficile ma che il club “viene prima di tutto”.

Agnelli, il cui regno di 12 anni ha portato ai giganti torinesi una sfilza di trofei, ha detto che le accuse contro il club erano “ingiustificate”, ma ha detto che se ne sarebbe andato per evitare di complicare ulteriormente la situazione.

Ha detto che la decisione di dimettersi insieme al resto del consiglio a novembre “non è stata una decisione facile per me”, dicendo di aver “sempre amato questo club” e di aver lavorato “più duramente che potevo” per il suo successo.

“Tuttavia, è stata una decisione che ho preso con assoluta convinzione e con assoluta calma”, ha detto.

Pochi giorni dopo le loro dimissioni, i pubblici ministeri di Torino hanno cercato di perseguire Agnelli e altri 11 per presunti illeciti finanziari, tra cui il trasferimento e il prestito di giocatori, affermano i rapporti.

I pubblici ministeri hanno affermato che 15 persone erano state originariamente prese di mira nelle indagini Francia Agenzia di stampa.

Lo ha detto Agnelli, secondo una versione inglese del suo discorso pubblicata dal club.

E ha aggiunto: “La società deve però proseguire sulla strada intrapresa per tutelare gli interessi della società e dimostrare in ogni sede le sue buone e legittime ragioni”.

Leggi anche | Serie A: lo scandalo della Juventus infuria mentre i punteggi vanno in profondità

“Per questo… è opportuno fare un passo indietro”, ha detto, per evitare una situazione in cui gli eventi sarebbero condizionati dalla sua presenza. “La Juventus, poi, viene prima di tutto e di tutti”.

READ  Monitora, orari di inizio delle fasi, dettagli sui canali TV e altro ancora

Per un periodo di tempo sotto Agnelli, la Juventus è stata ristabilita come una delle migliori squadre d’Europa.

Tuttavia, la loro serie di nove scudetti consecutivi si è conclusa nel 2021, mentre le loro finanze sono rimaste a lungo in rosso.

Gli azionisti – guidati da Exor controllata dalla famiglia Agnelli – martedì hanno approvato le perdite riviste per la stagione 2021/22 di 239,3 milioni di euro (255 milioni di dollari).

La quinta serie consecutiva di conti annuali era in rosso.

Gli azionisti si riuniranno di nuovo il 18 gennaio per nominare un nuovo consiglio guidato da Gianluca Ferrero, l’ex capo del marchio di caffè Lavazza, nato a Torino, di cui si fida John Elkann, presidente di Exor, cugino di Andrea Agnelli.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x