Alla rivoluzione in miniatura di Trump manca un megafono | Donald Trump News

La decisione del consiglio di censura di Facebook, mercoledì, di approvare il commento dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dal sito, ha evidenziato la realtà che deve affrontare in questi giorni: è difficile sostenere una rivoluzione politica senza un altoparlante.

La reazione alla decisione, che ha costretto Facebook a vedere se Trump dovesse essere bandito definitivamente nei prossimi sei mesi, non ha prodotto una tempesta di fuoco alimentata da Trump, principalmente perché gli mancavano gli strumenti per innescarne uno.

Descrivendo la decisione di Facebook come una “vergogna completa” In un comunicato stampa inviato via e-mail, la reazione alla decisione si è limitata all’aver eletto repubblicani e sostenitori di Trump che hanno colpito le onde radio e Twitter per criticare Facebook.

Senza le decorazioni della Casa Bianca – accesso ai media, un portavoce e personale disposto a parlare con i giornalisti – e senza un mezzo immediato per comunicare tramite i social media, quattro mesi fa sarebbe stato un reclamo dinamico di Trump che è durato per giorni. Gran parte dell’attenzione si è spostata su un rigido contraccolpo con poca influenza al di fuori dei funzionari eletti repubblicani.

Pubblico limitato

Da quando ha lasciato l’incarico ed è stato messo a tacere su Facebook, Instagram e Twitter, Trump ha fatto ricorso a dichiarazioni via e-mail più volte alla settimana alla stampa (rispetto alla sua precedente produzione di diversi tweet al giorno) per riflettere su ciò che lo trattiene. La mancanza di urgenza nei suoi messaggi, combinata con la gamma limitata di destinatari – media e generi all’interno della Beltway – e la sua scomparsa dagli occhi del pubblico hanno provocato pochissime azioni o reazioni alle sue riflessioni al di fuori dei repubblicani eletti.

READ  Un lungo vulcano inattivo prende vita nel sud-ovest dell'Islanda - notizie dal mondo

Martedì, il team di Trump ha lanciato uno sforzo per espandere la portata di quei messaggi, pubblicandoli sul proprio sito web sotto forma di un blog con follower in grado di twittare o condividere ogni singolo messaggio su Facebook e Twitter – una sorta di messaggio usato e molto altro meno auto-esplosione dei suoi pensieri.

Resta da vedere quanto cambiamento nel gioco rappresenti questo nuovo sforzo, ma per ora è evidente che mentre l’attuale metodo di chiamata di Trump non è un altoparlante, almeno si comporta come un microfono ascoltato dai repubblicani di Capitol Hill. Basta chiedere alla rappresentante Liz Cheney.

‘Una specie di piccola rivoluzione’

Dopo che Trump si è rifiutato di concedere le elezioni e ha insistito per truccarle, culminando in violente rivolte da parte dei suoi sostenitori sul Campidoglio degli Stati Uniti, alcuni repubblicani hanno annunciato che ne avevano abbastanza, incluso il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell, leader repubblicano nel Camera dei rappresentanti Kevin McCarthy e Cheney, figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney e attuale numero tre repubblicani al comando del partito repubblicano alla Camera dei rappresentanti.

Ogni repubblicano che si è espresso contro Trump ha affrontato la sua rabbia, spingendo alcuni, come McCarthy, a invertire la rotta e fare gli straordinari per tornare alle grazie di Trump.

Un piccolo numero di repubblicani, come Cheney, ha continuato a difendere Trump a sostegno di quella che descrive come la “grande bugia” sulle elezioni “truccate”, nonostante le sue persistenti critiche umilianti. La sua retorica anti-Trump ha portato a una futura ribellione in quanto i repubblicani ordinari, incoraggiati da Trump, hanno chiesto la sua rimozione dalla leadership. McCarthy è stato sorpreso da un microfono acceso dicendo che “lo possedeva” con Cheney e il secondo uomo repubblicano Steve Scales che sostenevano pubblicamente il rappresentante Elise Stefanik per sostituire Cheney.

READ  Bianca Andreescu si ritira dalla finale del Miami Open a causa di un infortunio alla caviglia

Da parte sua, Trump ha pubblicato mercoledì una dichiarazione in cui critica Cheney, sostenendo che “continua a dire scioccamente e senza sapere che non ci sono state frodi elettorali nelle elezioni presidenziali del 2020” prima che Stefanek fosse approvato.

Mercoledì al presidente Joe Biden è stato chiesto cosa stesse facendo di tutte le lotte intestine tra i repubblicani. Ha ammesso che il suo Partito Democratico ha visto la sua quota di lotte intestine in passato, anche se non ai livelli che il Partito Repubblicano deve affrontare.

“Il Partito Repubblicano sta cercando di definire cosa rappresenta ed è ora nel bel mezzo di una piccola rivoluzione importante”, ha detto Biden ai giornalisti.

Mini-Revolution è un’interessante scelta di parole.

In un certo senso, è una “rivoluzione” in quell’establishment: repubblicani come Cheney vengono estromessi, ostracizzati, insultati o semplicemente ritirati. In un certo senso, è “piccolo” a causa del carburante per tutto questo – l’incitamento di Trump – è l’ombra di quello che era prima.

Eppure, finché Trump rimarrà popolare con la base repubblicana – l’81% favorito nel sondaggio Economist-YouGov condotto dal 25 al 27 aprile – ei suoi sostenitori eletti continueranno a esercitare un’influenza significativa sul partito, la cosiddetta “rivoluzione” continuerà. , Non importa quanto “piccolo” Trump sia in questo momento.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x