Altri cittadini afgani che hanno aiutato l’esercito canadese si aspettavano di reinsediarsi “molto presto”

OTTAWA – Il governo federale sta attuando “procedure speciali di immigrazione” per far fuori i cittadini afgani che collaborano con l’ambasciata canadese, le loro famiglie e coloro che hanno aiutato i militari canadesi in prima linea mentre i talebani continuano a guadagnare lì.

In una conferenza stampa congiunta, il ministro della Difesa Harjit Sagan, il ministro degli Esteri Marc Garneau e il ministro dell’Immigrazione Marco Mendicino hanno affermato che poiché il tempo è essenziale per il reinsediamento di queste persone, si aspettano che gli arrivi arrivino in Canada “molto presto”.

Non li lasceremo indietro. Le vite oscillano qui, motivo per cui stiamo prendendo provvedimenti decisi e tempestivi. Mendicino ha detto ai giornalisti venerdì che il Canada avrebbe fatto la cosa giusta da parte di coloro che l’hanno fatto.

“Quelli ammissibili includeranno, ma non sono limitati a, interpreti che hanno lavorato con le forze canadesi durante la missione di combattimento, personale attualmente reclutato localmente o precedentemente impiegato dell’ambasciata canadese e le loro famiglie”.

I talebani affermano di controllare ora circa l’80% dell’Afghanistan dopo che gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare le proprie forze militari, una mossa che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato sarebbe stata completata entro il 31 agosto.

Mentre gli Stati Uniti hanno iniziato a evacuare circa 2.500 interpreti e altro personale di supporto in una base militare in Virginia in attesa dell’approvazione dei loro visti, gli afgani che hanno assistito le forze canadesi, finora, non hanno ricevuto alcun piano da Ottawa.

La missione di combattimento del Canada in Afghanistan è terminata dieci anni fa questo mese, quasi un decennio dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001.

READ  Il Dipartimento di Giustizia chiede agli avvocati statunitensi di Trump di dimettersi

Sagan ha aggiunto che il governo canadese non è in grado di condividere dettagli operativi specifici a causa di fattori di sicurezza, ma che il processo di pianificazione è in corso e funziona “velocemente”.

“La situazione della sicurezza si sta deteriorando e dobbiamo lavorare a stretto contatto con i nostri alleati, quindi il piano stesso deve essere protetto per la sicurezza delle persone che stiamo cercando di portare in Canada”, ha affermato.

Garneau ha anche affermato che il Canada chiede un cessate il fuoco permanente “per porre fine alle infinite sofferenze del popolo afghano e per facilitare la fornitura di assistenza umanitaria ai bisognosi”.

Il leader conservatore Erin O’Toole ha espresso il suo peso sulla notizia, affermando che il governo avrebbe dovuto dare l’annuncio mesi fa.

“Gli americani hanno chiarito che lasceranno l’Afghanistan mesi fa, e l’ascesa dei talebani era un risultato atteso”, si legge in una dichiarazione a CTVNews.ca.

Invece di offrire un piano per aiutare gli eroici traduttori afgani, il personale di supporto e le loro famiglie, i liberali di Trudeau si sono seduti con le mani in mano e non hanno fatto nulla. È deludente che questi afghani che hanno salvato la vita ai nostri uomini e donne in uniforme siano stati un ripensamento per questo governo liberale”.

Una procedura speciale di pre-immigrazione per gli afgani che hanno lavorato con le forze armate ha stabilito più di 800 cittadini afgani e le loro famiglie in Canada dal 2009 al 2011 e una versione rivista di questo programma è iniziata nel 2012.

All’epoca, i traduttori avevano bisogno di 12 mesi di servizio tra il 2007 e il 2011, oltre alla prova che le loro vite erano in pericolo.

READ  Le autorità hanno arrestato una donna che secondo l'FBI potrebbe aver tentato di vendere il computer rubato di Nancy Pelosi

Alla domanda su quali criteri seguirà il governo questa volta, Mendicino ha solo detto che il suo ministero sta lavorando a stretto contatto con le sue controparti nella difesa dell’eleggibilità.

“Inviterei sicuramente chiunque ritenga che loro o la loro famiglia possano essere idonei per questo programma a contattare direttamente il mio ufficio e lavoreremo a stretto contatto con loro, nonché con la Difesa nazionale e gli affari globali del Canada per identificare coloro che potrebbero beneficiare di questo programma.

File di Annie Bergeron Oliver e Christy Somos per CTV News

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x