Arrestato un uomo di Ibaraki per minacce di morte inviate a Nintendo

Arrestato un uomo di Ibaraki per minacce di morte inviate a Nintendo

Mercoledì la polizia della prefettura di Kyoto ha arrestato un impiegato governativo nel comune di Hitachi, nella prefettura di Ibaraki, sospettato di ostacolare le operazioni commerciali di Nintendo inviando minacce di morte.

La polizia ha detto che Kenshin Kazama (27 anni) ha ammesso di aver commesso il crimine, dicendo: “Non ci sono dubbi al riguardo”.

Secondo la polizia, tra il 22 agosto e il 29 novembre dell'anno scorso, Kazama avrebbe inviato un totale di 39 messaggi tramite un modulo di richiesta sul sito ufficiale di Nintendo, minacciando di uccidere persone nei tornei Splatoon Koshien – eventi legati al popolare gioco Splatoon Nintendo. Gioco Switch e altri eventi Nintendo che ostacolano gli affari dell'azienda.

La società di videogiochi ha presentato una denuncia formale alla polizia in agosto, avviando un'indagine che ha portato all'identificazione del sospettato attraverso l'analisi delle impronte digitali. La polizia intende indagare ulteriormente sul motivo dietro le azioni di Kazama.

Lo scorso dicembre, Nintendo ha rinviato le Splatoon Koshien Finals e il Mario Kart 8 Deluxe World Championship, cancellando anche… Nintendo Live Tokyo, citando minacce sia ai partecipanti che allo staff.

Secondo il governo della città di Hitachi, Kazama lavora in uno zoo locale. Alla luce dell'arresto, un funzionario municipale ha fatto sapere che un comunicato in merito sarà rilasciato in un secondo momento.

READ  Google taglia la quota di compartecipazione alle entrate di Stadia nel tentativo di attirare gli sviluppatori

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x