L’autorità elettorale turca restituisce il vincitore filo-curdo alle elezioni del sindaco Notizie sulle elezioni

L’autorità elettorale turca restituisce il vincitore filo-curdo alle elezioni del sindaco  Notizie sulle elezioni

La Commissione elettorale annulla l'espulsione del vincitore curdo nella corsa a sindaco nella città di Van, nella Turchia orientale.

L'organismo elettorale turco ha eletto un vincitore filo-curdo alle elezioni a sindaco della città orientale di Van, dopo che l'annullamento della sua vittoria aveva scatenato scontri.

Mercoledì la Commissione elettorale suprema (YSK) ha annunciato di aver annullato la decisione della Commissione elettorale regionale della Turchia orientale di licenziare Abdullah Zeidan, il candidato del Partito filo-curdo per l'uguaglianza e la democrazia popolare.

Questo calo è visto come un ulteriore stimolo all’opposizione turca dopo le elezioni locali di domenica, che hanno inferto un duro colpo al presidente Recep Tayyip Erdogan e al suo Partito Giustizia e Sviluppo, di orientamento islamista, dopo la vittoria dell’anno scorso alle elezioni presidenziali e parlamentari. elezioni.

Zidane aveva ricevuto più del 55% dei voti alle elezioni municipali di domenica, ma la commissione elettorale regionale ha dichiarato che non era idoneo a candidarsi a causa di una precedente condanna e ha ceduto il seggio di sindaco al candidato del Partito Giustizia e Sviluppo, che ha ricevuto 27% dei voti. Votazione.

Zeidan è stato arrestato e imprigionato nel 2016 dopo aver criticato la campagna aerea dell'esercito turco contro i combattenti curdi banditi nel sud-est del paese, a maggioranza curda. Verrà rilasciato nel 2022.

Martedì la rimozione ha scatenato violente proteste che sono continuate per tutta la notte in tutta la provincia, che si trova al confine orientale della Turchia con l'Iran.

Le autorità hanno adottato misure severe. Il ministro dell'Interno Ali Yerlikaya ha affermato che 89 persone sono state arrestate per aver partecipato a marce senza licenza e aver scandito slogan inneggianti a una “organizzazione terroristica separatista”, in riferimento al Partito dei lavoratori del Kurdistan, che Turchia, Stati Uniti e Unione europea hanno inserito nella lista nera. unione.

READ  7 adulti e 3 bambini uccisi in un incendio in casa; È in corso un'indagine penale - notizie dal mondo

Le autorità turche hanno spesso accusato la DEM di avere legami con il PKK. Il movimento è il terzo partito più grande nel Parlamento nazionale turco.

Tuttavia, i democratici democratici hanno affermato mercoledì che il Consiglio elettorale supremo ha deciso di reintegrare Zeidan come sindaco di Van “come risultato della resistenza del popolo curdo”.

L'agenzia statale Anadolu ha riferito che il Consiglio elettorale supremo ha preso in considerazione il ricorso presentato dal Partito democratico e ha deciso di riportare Zidane al suo posto. L'agenzia ha precisato che la decisione è stata presa a maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione.

Nel corso degli anni, il governo di Erdogan ha rimosso dall'incarico i sindaci filo-curdi eletti a causa dei loro presunti legami con i combattenti curdi e li ha sostituiti con amministratori nominati dallo stato.

Insieme alla vittoria a Van, i DEM hanno anche preso il controllo delle posizioni di sindaco in altre grandi città del sud-est della Turchia a maggioranza curda, tra cui Diyarbakir, la città più grande della regione.

Prima della decisione del comitato elettorale di reintegrare Zeidan, il sindaco rieletto di Istanbul, Ekrem Imamoglu, considerato un potenziale rivale di Erdogan, ha descritto gli eventi di Van come una “totale aberrazione”.

“Seguiremo questa pratica insensata di doppi standard da parte di Van”, ha detto Imamoglu, il cui partito ha sostenuto il Movimento Democratico nella sua lotta contro il governo di Van, a una folla di circa 500 sostenitori riunitisi fuori dal tribunale principale di Istanbul dopo essere stato conferito formalmente il mandato”. Servirà altri cinque anni.

READ  Una donna che ha ucciso mia madre a Bali è stata accusata di omicidio premeditato negli Stati Uniti

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x