Bernardeschi: l’Italia può fare bene a Euro 2020

Federico Bernardeschi è diventato una figura un po’ marginale per la prima squadra della Juventus, ma continua a spuntare dentro e fuori dalla squadra con occasionali prestazioni chiave. Ecco perché è stata un po’ una sorpresa che Roberto Mancini lo abbia convocato per Euro 2020, e il giocatore della Juventus ha risposto a questa convinzione che il tecnico giocasse bene sulla fascia destra contro il Galles nel fine settimana.

Parlando dell’allenatore degli Azzurri, Bernardeschi si è complimentato per come non solo ha fatto tornare forte l’Italia, ma ha anche riacceso l’amore della nazione per una squadra che ha toccato il minimo storico dopo aver fallito la qualificazione per l’ultima Coppa del Mondo.

“Quando è arrivato non è stato facile perché l’Italia era abbandonata alla morte. Il calcio italiano era sotto attacco. È arrivato con calma, semplicità e lentezza, partita dopo partita, dando grande fiducia ai giocatori e grande entusiasmo alla gente”.

“Ha fatto qualcosa di straordinario secondo me, ovvero avvicinare il popolo italiano alla Nazionale. Qualcosa di straordinario a prescindere da tutto”.

L’Italia potrebbe non aver ancora giocato con nessuna delle migliori squadre del torneo, ma ha spazzato via le triplette che ha affrontato finora, segnando sette volte e non subendo ancora alla fine.

Quando si gioca bene e ci si diverte in campo è tutto più bello, è la ciliegina sulla torta, è davvero straordinario.

“Siamo molto contenti. Era quello che volevamo. Ci siamo preparati molto per questo Europeo e siamo partiti molto bene. A Roma è stato fantastico. Dopo diversi mesi senza tifosi, non è stato facile neanche per noi. L’entusiasmo che è cresciuto da una partita dopo l’altra è stata fantastica. Dobbiamo dire grazie per questo, davvero”.

L’apprezzamento per la qualità del gioco e dei risultati è stato reciproco, con l’Italia che ha dimostrato ancora una volta di poterla portare ad un livello superiore quando si gioca ai grandi tornei.

Anche noi siamo stati abbastanza contagiati da questo entusiasmo. Penso che faccia parte di queste grandi competizioni. La prima cosa che conta è avere un gruppo bello, sano, autentico e unito. Un gruppo in cui tutti pensano allo stesso obiettivo. C’è tanta competizione, siamo tutti giocatori molto forti, ma questo non deve togliere nulla alla maglia azzurra e al traguardo finale, che è comune”.

Dopo il disastro delle qualificazioni ai Mondiali, Mancini ha stabilito il record di 80 anni per gli Azzurri, che li hanno portati a eguagliare il record di Vittorio Pozzo in 30 partite consecutive senza sconfitte che hanno portato loro anche a vincere l’Europeo del 1968.

“Siamo davvero felici di aver eguagliato quel record. Come ha già detto l’allenatore, è importante, ma poi dobbiamo anche aggiungere un trofeo per renderlo eccezionale.

“Esatto sì e crediamo di poter fare molto bene in questo Europeo. L’obiettivo è quello. Non ci resta che provare a continuare così, giocare il nostro gioco, il nostro calcio. E questo gruppo continua, qui, unito come si vede”. Per tutti.”

La prossima sfida dell’Italia agli ottavi di finale sarà contro l’Austria, seconda nel Gruppo C dietro l’Olanda guidata da David Alaba.

“E’ una squadra forte, credo che tutte quelle che sono arrivate a questo punto siano grandi squadre. Dovremo giocare la nostra partita migliore come è già successo nel girone. Quelle erano tutte finali, ora lo è. Ce ne saranno altre.

“Alaba? È un grande campione. Ha vinto tanti titoli, ha vinto tutto e devo dire che incontrare campioni così grandi è una grande motivazione. E poi ci sarà Wembley, la storia del calcio. Sarà ancora più emozionante”. “

READ  Il mosaico dell'Imperatore è in mostra in Italia dopo che lo ha speso come tavolo di New York City

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x