Biden impedisce la diffusione delle registrazioni delle interviste agli investigatori privati

Biden impedisce la diffusione delle registrazioni delle interviste agli investigatori privati
  • Scritto da Sam Cabral
  • Notizie della BBC, Washington

Spiegazione video, Guarda: Robert Hoare difende il suo rapporto definendolo “necessario, accurato e giusto”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha vietato la pubblicazione delle registrazioni audio delle sue interviste riguardanti l'indagine sulla sua gestione di file segreti.

Una lettera del Dipartimento di Giustizia ai repubblicani al Congresso affermava che Biden rivendicava i suoi privilegi esecutivi.

I repubblicani avevano chiesto la pubblicazione delle interviste condotte dal presidente con il procuratore speciale Robert Hoare.

Il controverso rapporto Hoare è stato pubblicato lo scorso febbraio e ha messo in discussione l’età e la memoria di Biden.

Ha rifiutato di avviare un procedimento penale contro il presidente, ma ha scritto nel suo rapporto che Biden sarebbe stato probabilmente visto come un “vecchio ben intenzionato con una memoria debole”.

Ciò ha provocato una forte reazione da parte del presidente, che ha detto: “So cosa diavolo sto facendo. Non ho bisogno della sua raccomandazione”.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato giovedì in una lettera ai capi delle commissioni Giustizia e Vigilanza della Camera che le registrazioni non saranno rese pubbliche.

Ha detto che sarà attivato il privilegio esecutivo, un principio legale che protegge alcuni documenti del ramo esecutivo dalla divulgazione pubblica.

Anche il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland, che guida il dipartimento, ha criticato una “serie di attacchi senza precedenti e francamente infondati” al Dipartimento di Giustizia da parte dei repubblicani della Camera.

Garland sarà probabilmente disprezzato dal Congresso per questa mossa.

Mercoledì ha detto a Biden in una lettera che il consulente legale aveva stabilito che i nastri “rientrano nell’ambito dei privilegi esecutivi” – aprendo la strada alla Casa Bianca per bloccarne il rilascio.

Garland ha osservato che il presidente ha collaborato pienamente con le indagini penali e ha partecipato volontariamente all'intervista di cinque ore con la squadra di Hoare.

Biden ha confermato giovedì mattina che stava impedendo la diffusione dei nastri in una lettera separata inviata dal suo consigliere della Casa Bianca ai presidenti della commissione.

“L'assenza di un legittimo bisogno delle registrazioni audio espone il tuo potenziale obiettivo, che è quello di tagliarle, distorcerle e usarle per scopi politici di parte”, ha detto.

La pubblicazione del rapporto di Hoare ha fatto seguito a un'indagine durata un anno su come Biden ha gestito i documenti riservati dopo aver lasciato la vicepresidenza nel 2017.

Ha aggiunto che il presidente non è stato in grado di ricordare i dettagli rilevanti dell'indagine durante la sua intervista.

Il procuratore speciale ha aggiunto che Biden ha avuto difficoltà a ricordare le tappe fondamentali della sua vita, compresi gli anni come vicepresidente e la morte del figlio maggiore.

I repubblicani hanno affermato che il rapporto ha evidenziato le preoccupazioni degli elettori riguardo alla sua età e alla sua lucidità.

Il vicepresidente Kamala Harris ha affermato che il rapporto di Hoare era “chiaramente motivato politicamente”.

Hoare ha difeso il suo rapporto definendolo “necessario, accurato e giusto” durante un'udienza al Congresso un mese dopo la sua pubblicazione.

Da allora il Dipartimento di Giustizia ha fornito le trascrizioni complete delle interviste del procuratore speciale, nonché altri documenti rilevanti, ai repubblicani della Camera della Commissione Giustizia e ai comitati di supervisione.

I repubblicani hanno risposto

I repubblicani hanno detto giovedì che i testi “non sono una prova sufficiente dello stato della memoria del presidente”.

Il presidente della commissione giudiziaria Jim Jordan ha dichiarato: “Per determinare se il procuratore speciale Hoare ha servito adeguatamente la giustizia non raccomandando il procedimento giudiziario contro il presidente, le registrazioni sono necessarie”.

James Comer, il massimo repubblicano del comitato di sorveglianza, ha detto che Biden e i suoi consiglieri hanno “chiaramente paura” di rilasciare le registrazioni “perché confermerebbero ancora una volta al popolo americano che lo stato mentale del presidente Biden si sta deteriorando”.

Ciascuna commissione sta attualmente valutando una risoluzione che raccomanda che il signor Garland venga giudicato per oltraggio alla corte.

Mentre il comitato giudiziario si è riunito come previsto giovedì mattina, il comitato di sorveglianza ha rinviato la sua riunione a giovedì sera in modo che molti dei suoi membri repubblicani potessero recarsi a New York e mostrare il loro sostegno a Donald Trump nel suo processo penale in corso.

Si prevede che la risoluzione sul disprezzo verrà presentata al di fuori delle due commissioni sulle linee di partito, per essere votata davanti all'intera Camera dei Rappresentanti.

I repubblicani attualmente controllano la Camera con un seggio, e non è chiaro se abbiano i voti per disprezzare Garland, una mossa che lo manderebbe a un possibile processo.

Se Garland verrà disprezzato, si unirà ai suoi predecessori Bill Barr, dell'amministrazione di Donald Trump, ed Eric Holder, dell'amministrazione di Barack Obama, nell'affrontare quel destino.

Nessuno dei due ha dovuto affrontare accuse penali da parte dei rispettivi dipartimenti di giustizia.

READ  David Beckham aspetta in fila con le persone in lutto per vedere la bara della regina

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x