Cala la produzione industriale italiana, le prospettive di crescita si indeboliscono

Scritto da Gavin Jones

ROMA (Reuters) – La produzione industriale italiana ha registrato a gennaio il calo più grande da oltre un anno, come mostrano i dati di mercoledì, poiché le previsioni di crescita per la terza economia dell’eurozona si sono indebolite a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia.

L’Istat ha riferito che la produzione industriale è diminuita del 3,4% rispetto al mese precedente. Ciò ha fatto seguito a un calo dell’1,1% a dicembre ed è stato il calo più grande da settembre 2020.

L’Italia non registra due ribassi mensili consecutivi da marzo e aprile 2020, al culmine della crisi del coronavirus.

I dati di quest’anno hanno avuto un inizio debole anche prima dei venti contrari economici causati dall’aumento dei costi energetici, dall’invasione russa dell’Ucraina e dalle sanzioni occidentali contro Mosca.

In un rapporto separato, l’Istat ha affermato che il recente aumento dei costi energetici, che limita il potere d’acquisto delle famiglie e la competitività delle imprese, ridurrà la crescita economica dell’Italia quest’anno di circa 0,7 punti percentuali.

L’economia italiana è cresciuta del 6,6% nel 2021 dopo una contrazione record del 9,0% nel 2020, anno in cui i blocchi legati al coronavirus hanno vacillato.

Per quest’anno, il governo del primo ministro Mario Draghi prevede ufficialmente un aumento del PIL del 4,7%, ma le prospettive sono notevolmente peggiorate da quando quella previsione è stata fatta lo scorso autunno.

Draghi lo ha riconosciuto lunedì, dicendo ai giornalisti che le tensioni geopolitiche legate all’invasione russa dell’Ucraina “influiranno chiaramente sulla crescita economica quest’anno”.

Tra crescenti segnali di rallentamento, la Banca d’Italia ha riferito lunedì che le sofferenze delle banche italiane sono aumentate a gennaio rispetto al mese precedente e che i prestiti bancari alle imprese hanno rallentato.

READ  L'International Design Academy con sede in India collabora con l'Istituto Italiano Di Moda Burgo | Attività commerciale

Il think tank bolognese Prometa, dopo i dati di gennaio, ha dichiarato di aspettarsi un calo della produzione industriale del 2,2% nel primo trimestre dei tre mesi precedenti.

Questo sarà il primo calo trimestrale dall’ultimo trimestre del 2020.

Su base dei giorni lavorativi rettificati anno su anno, la produzione del settore è diminuita del 2,6% a gennaio e l’Istat ha riferito che era inferiore dell’1,9% rispetto al livello di febbraio 2020, prima che la pandemia colpisse l’economia.

Gennaio ha visto un calo significativo su base mensile in tutti i principali gruppi di prodotti di beni di consumo, beni di investimento, beni intermedi e prodotti energetici.

(Montaggio di Gareth Jones)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x