Campi magnetici forti e dispersi potrebbero spiegare uno dei misteri rimasti sulla luna

È passato mezzo secolo da quando le missioni Apollo sono tornate da loro la lunaEppure i campioni lunari che hanno portato a casa ci lasciano ancora perplessi.

Alcune di queste rocce hanno più di 3 miliardi di anni e sembrano essersi formate in presenza di un forte campo geomagnetico, come quello terrestre. Ma la luna oggi non ha una magnetosfera. Sono molto piccoli e densi, congelati fino al midollo.

A differenza della Terra, l’interno della Luna non è costantemente avvolto da materiale elettricamente conduttivo, che produce principalmente un campo magnetico terrestre. Allora perché le rocce lunari dovrebbero dirci il contrario?

È possibile che la luna non si sia congelata così rapidamente come pensavamo; Alcuni miliardi di anni fa, il suo nucleo era probabilmente ancora leggermente fuso.

Ma anche se il campo dura un tempo sorprendentemente lungo, è improbabile che la forza del campo – date le dimensioni della Luna – corrisponda a ciò che ci dicono le rocce di superficie.

Alcuni scienziati suggeriscono la luna Era solito ondeggiare di piùQuesto ha mantenuto il liquido nel suo stomaco rotolando via per un po’ più a lungo. Le meteore fisse potrebbero anche aver dato vita alla luna aumento di energia.

I ricercatori hanno precedentemente scoperto un nuovo punto di vista sulla questione, suggerendo che alcuni punti sulla superficie lunare erano soggetti a brevi onde di intensa attività magnetica.

In questo ultimo studio, un duo della Stanford University e della Brown University negli Stati Uniti ha proposto un modello che descrive come potrebbero formarsi questi campi di breve durata ma potenti.

READ  Scopri le prime immagini ad alta risoluzione dal nuovo satellite della NOAA

“[I]Invece di pensare a come far funzionare un forte campo magnetico continuamente per miliardi di anni, forse c’è un modo per ottenere un campo ad alta intensità in modo intermittente”, spiegare Lo scienziato planetario Alexander Evans.

“Il nostro modello mostra come ciò potrebbe accadere ed è coerente con ciò che sappiamo sull’interno della luna”.

Nei primi miliardi di anni circa dell’esistenza della Luna, il suo nucleo non è mai stato più caldo del mantello soprastante. Ciò significa che il calore dall’interno della luna non viene dissipato, il che di solito fa muovere il materiale fuso. I pezzi più leggeri e più caldi tendono a salire fino a quando non si raffreddano, i pezzi più freddi e più densi affondano fino a quando non vengono riscaldati e così via.

Ci deve essere qualcos’altro che muove la pentola, generando un campo magnetico.

Nella sua giovinezza, un oceano di roccia fusa avrebbe probabilmente coperto la Luna e, quando il corpo si è raffreddato, quella roccia si è solidificata a velocità leggermente diverse.

I minerali più densi, come l’olivina e il pirosseno, affonderebbero sul fondo e si raffredderebbero per primi, mentre gli elementi più leggeri come il titanio galleggerebbero verso l’alto e si raffredderebbero per ultimi.

Tuttavia, la roccia ricca di titanio avrebbe pesato più del materiale solido sottostante, provocando la caduta di piccoli pezzi di crosta lunare attraverso il mantello, fino al nucleo.

I ricercatori ritengono che questo effetto di affondamento sia durato almeno 3,5 miliardi di anni, con almeno un centinaio di punti di materiale ricco di titanio che hanno raggiunto il “perielio” in un miliardo di anni.

READ  Boeing e NASA rivelano una nuova data per il lancio nel 2022 di un volo di prova dello Starliner

Ognuna di queste enormi placche ha un raggio di circa 60 chilometri (37 miglia),Associato al nucleo, il disadattamento di temperatura avrebbe temporaneamente riacceso un’improvvisa corrente di carico, abbastanza forte da generare un forte impulso magnetico.

“Puoi pensarlo un po’ come una goccia d’acqua che colpisce una padella calda”, Dice Evans.

“Hai qualcosa di veramente freddo che tocca il nucleo e all’improvviso può fuoriuscire molto calore. Ciò aumenta l’ondulazione nel nucleo, dandoti questi campi magnetici a intermittenza intensi”.

I nuovi modelli potrebbero aiutare a spiegare perché diverse rocce lunari mostrano firme magnetiche diverse. La magnetosfera lunare potrebbe non essere stata un fenomeno statico o costante.

Gli autori stanno ora testando la loro interpretazione osservando le rocce lunari per vedere se sono in grado di rilevare uno sfondo magnetico debole che solo occasionalmente viene penetrato da una forza più forte. La presenza di un ronzio magnetico più debole potrebbe indicare che la magnetosfera più forte era l’eccezione piuttosto che la regola.

Lo studio è stato pubblicato in astronomia naturale.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x