Capo della NASA: collaboriamo con i nostri colleghi russi

ATLANTA (AP) – L’amministratore della NASA Bill Nelson venerdì ha minimizzato i recenti commenti del capo dell’Agenzia spaziale russa secondo cui gli Stati Uniti dovranno usare manici di scopa per volare nello spazio dopo che la Russia ha dichiarato che smetterà di fornire motori a razzo alle compagnie americane.

“Questo è solo Dmitry Rogozin. Sbuffa di tanto in tanto. Ma alla fine ha lavorato con noi”, ha detto Nelson all’Associated Press. “Le altre persone che lavorano al programma spaziale civile russo, sono professionisti. Non si fanno mancare nulla con noi, con i cosmonauti americani e il controllo missione americano”.

Nelson ha parlato con l’Associated Press poche ore prima che tre astronauti russi decollassero dal Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan alla Stazione Spaziale Internazionale, il primo lancio dell’equipaggio dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

La guerra ha portato alla cancellazione dei lanci di veicoli spaziali e alla cancellazione dei contratti, e molti temevano che Rogozin stesse mettendo a repentaglio decenni di partnership pacifica al di fuori del pianeta, in particolare sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Oltre a minacciare di ritirarsi dalla stazione spaziale e farla crollare negli Stati Uniti, in Europa o altrove, Rogozin trasportava bandiere di altri paesi coperte da un missile Soyuz in attesa di decollare con i satelliti Internet. Il lancio è stato annullato dopo che il cliente, OneWeb con sede a Londra, ha rifiutato la sua richiesta di non utilizzare i satelliti per scopi militari e il governo britannico ha tagliato il suo sostegno finanziario.

Giovedì, l’Agenzia spaziale europea ha confermato che sospenderà a tempo indeterminato la sua missione itinerante ExoMars con Roscosmos a causa della guerra russa in Ucraina.

READ  L'esposizione ai cambiamenti climatici destabilizza o fa collassare le comunità di mammiferi e uccelli nel deserto

“Nonostante tutto ciò, nello spazio possiamo collaborare con i nostri amici russi, i nostri colleghi. Il rapporto professionale tra astronauti e cosmonauti non è mancato”, ha detto Nelson. “Questa è la cooperazione che facciamo nel programma spaziale civile”.

L’astronauta della NASA Mark Vande Hay – che martedì ha battuto il record di volo spaziale statunitense di 340 giorni – dovrebbe lasciare la Stazione Spaziale Internazionale con due russi a bordo di una capsula Soyuz per atterrare in Kazakistan il 30 marzo.

La NASA ha affermato che i piani per tornare a casa rimangono invariati.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x