ChatGPT Mod consente agli NPC in Skyrim di formare nuovi dialoghi

ChatGPT Mod consente agli NPC in Skyrim di formare nuovi dialoghi

È questo il futuro dei videogiochi?

Personaggi IA

Un designer junior ha approfittato in particolare delle meraviglie di ChatGPT per dare ai personaggi non giocanti (NPC) nella versione VR del popolare videogioco Skyrim del 2011 la possibilità di creare istantaneamente nuovi dialoghi e di avere effettivamente una conversazione con un giocatore, giochi per computer rapporti.

Mentre questa particolare implementazione lascia a desiderare – le voci sintetizzate sono tutt’altro che convincenti – è uno sguardo a un futuro eccitante in cui possiamo avere conversazioni espansive con personaggi controllati dal computer mentre ci immergiamo in mondi virtuali.

Ben fatto

Il modder, che si chiama Art From The Machine, si è preso la responsabilità di espandere notevolmente le limitate opzioni di dialogo per gli NPC di Skyrim utilizzando il modello di linguaggio di grandi dimensioni di OpenAI.

Collegando un modulatore di sintesi vocale chiamato xVASynth e il modello di sintesi vocale di OpenAI Whisper, il moderatore è stato in grado di conversare con i personaggi del gioco semplicemente parlando nel loro microfono, come mostrato in Video Youtube.

“Sembra essere una spada di ferro ben fatta con una gemma dell’anima incastonata nell’elsa”, ha detto al giocatore l’NPC Ulfberth War-Bear quando il modem gli ha chiesto di descrivere una spada. “La magia su di esso permette al mago di catturare le anime dei suoi nemici.”

Ulfberth è stato anche in grado di dire quando un particolare negozio nella città immaginaria di Whiterun era aperto e calcolare quando sarebbe stato chiuso.

Appena iniziato

Gli NPC erano persino in grado di ricordare eventi passati e conversazioni che il giocatore aveva già avuto con loro.

READ  Apple si impegna a effettuare ordini di chipset TSMC per la serie iPhone 16 nel 2024 · TechNode

Art From The Machine spiegato in Pubblicato su Reddit.

Stanno solo grattando la superficie.

“Ci sono molti sofisticati strumenti di memoria là fuori, come Langchain, che spero di utilizzare in futuro”, ha aggiunto.

Art From The Machine vuole ancora perfezionare la modalità prima di renderla disponibile al pubblico.

Per molti versi, questa è un’entusiasmante dimostrazione di come le tecnologie AI possano migliorare i videogiochi in futuro. Con l’avanzare della tecnologia, non è una forzatura pensare che gli sviluppatori inizieranno a sfruttare i chatbot intelligenti per consentire ai personaggi virtuali di espandersi dagli alberi di dialogo spesso limitati.

Ulteriori informazioni su ChatGPT: Il solo utilizzo di ChatGPT costa a OpenAI una cifra incredibile ogni giorno

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x