― Advertisement ―

spot_img

Giorgia Cesarini, la prima lanciatrice olimpica sammarinese, vive il “sogno di Parigi perfetta”

"Il mio viaggio è iniziato con l'atletica ed è sorprendente come la vita possa prendere svolte inaspettate ma gratificanti."Ovviamente essere in atletica leggera è...
Homeentertainment"Chi se ne frega?" - Tempi di consegna

“Chi se ne frega?” – Tempi di consegna

Adam Driver parla della sua carriera e di come non sia stato strategico nel selezionare i suoi ruoli e invece abbia istintivamente lavorato con registi straordinari.

L'attore è apparso su Senza intelligenza Il podcast, condotto da Jason Bateman, Sean Hayes e Will Arnett, in cui è stato sollevato il tema di interpretare uomini italiani in due film di seguito. L'autista è interpretato da Maurizio Gucci nel film di Ridley Scott Casa Gucci Ed Enzo Ferrari in Michael Mann Ferrari.

Prima del tour stampa per Ferraril'autista è stato avvertito che inevitabilmente gli sarebbe stato chiesto di giocare contro gli italiani di fila.

“Molti si chiedono: quanti italiani…?” “In un certo senso ha funzionato in questo modo”, ha detto Driver. “Ma, sai, Ridley e Michael sono secondo me due dei migliori registi. Chi dice che fossero italiani uno dopo l'altro?”

L'autista ha citato i ruoli prenotati interpretando uomini italiani come “un buon esempio di non essere strategico nel modo in cui forse avrei dovuto essere” nella sua carriera.

L'attore ha detto che potrebbe aver smesso di interpretare gli italiani, aggiungendo: “Sono stupito dalla portata di quello che sta succedendo. È come, 'Hai qualcosa', e io sono tipo, 'Sono due!' Sono italiani! Sono solo due. La stampa non è il luogo in cui si ha una conversazione.” minuto.

Ha continuato: “Sembra un’idea difficile. Del tipo: “Che succede con l'Italia?” Voglio dire, non riguarda l'Italia, anche se la adoro. Riguarda più Bridley Scott e Michael Mann e i progetti stessi. “L’Italia non è la prima cosa che mi viene in mente”.

READ  La nuova prima fila irlandese con Andy Farrell apporta sette cambi durante il suo viaggio in Italia

L'autista era già diventato virale per la sua risposta a un giornalista che aveva sottolineato la questione Ferrari Le scene dell'incidente erano “scadenti”.

“Vaffanculo, non lo so. Prossima domanda”, ha detto l'autista al giornalista durante una sessione di domande e risposte.