Classifica delle migliori e peggiori classi di draft di quarterback nella storia della NFL

Classifica delle migliori e peggiori classi di draft di quarterback nella storia della NFL

Ogni anno un nuovo gruppo di quarterback entra nella NFL.

A volte, volti nuovi irrompono sulla scena e hanno un impatto immediato in campionato. Altre volte, le luci sono troppo intense e l’intera classe si spegne.

Con il Draft NFL 2023 a meno di una settimana di distanza, CJ Stroud, Bryce Young, Anthony Richardson e Will Levis sperano di unirsi al primo gruppo invece che al secondo.

Prima che l’azione abbia inizio a Kansas City la prossima settimana, ecco uno sguardo alle tre stagioni migliori e alle tre peggiori della NFL negli ultimi 50 anni:

Migliore: 1983

Highlights: John Elway (#1), Jim Kelly (#14), Tony Eason (#15), Ken O’Brien (#24), Dan Marino (#27)

Essendo l’unica classe (fino ad oggi) a includere tre membri della Pro Football Hall of Fame, il 1983 regna certamente sovrano.

Elway è stato arruolato dai Baltimore Colts prima di essere costretto a commerciare con i Denver Broncos, dove ha vinto due Super Bowls e il premio MVP del 1987. Kelly ha quasi fatto una mossa simile, ma si è unita ai Buffalo Bills nel 1985 dopo due stagioni nella USFL. Ha guidato la squadra a quattro presenze consecutive al Super Bowl, tutte sconfitte, prima di inserirlo nella Hall of Fame nel 2002. Marino, il terzo QB della Hall of Fame, è caduto al primo turno ma è diventato un quarterback per nove volte e Super Bowl senza vittorie QB vincente.

Eason e O’Brien sono i primi dimenticati di questa categoria, ma entrambi hanno avuto una carriera professionale rispettabile. Redatto dai New England Patriots, Eason ha iniziato 51 partite in otto stagioni e si è classificato sesto nella votazione MVP nel 1986. O’Brien ha fatto 110 partenze e 2 Pro Bowls dopo essere stato selezionato dai New York Jets.

Il peggiore: 2007

In evidenza: JaMarcus Russell (#1), Brady Quinn (#22), Kevin Kolb (#36), John Beck (#40), Drew Stanton (#43), Trent Edwards (#92) Matt Moore (Non sviluppato)

Probabilmente non è un buon segno quando il miglior quarterback della classe finisce per essere mal preparato.

READ  Qualificazioni ai Mondiali 2022: calendario, fase a gironi, coordinamento play-off, finali | notizie di calcio

Moore ha fatto solo 32 inizi di carriera, con 49 touchdown e 36 intercettazioni, ed è stato chiaramente il protagonista di questo gruppo. Uno dei più grandi fallimenti nella storia della NFL, Russell ha giocato tre stagioni con gli Oakland Raiders prima di abbandonare il campionato. Quinn non ha mai raggiunto le vette del college dopo essere stato selezionato più tardi al primo turno dai Cleveland Browns.

All’inizio del secondo round, Kolb e Stanton hanno avuto alcuni momenti all’inizio del main, ma nessuno dei due ha visto molta azione. Edwards, un terzo base, ha avuto un’opportunità simile per i Buffalo Bills all’inizio della sua carriera ma non è riuscito a capirlo.

Migliore: 2004

Highlights: Eli Manning (#1), Philip Rivers (#4), Ben Roethlisberger (#11), JP Losman (#22), Matt Schaub (#90)

Quel gruppo potrebbe presto essere raggiunto nel 1983 da tre giocatori della Hall of Fame.

Le due classi avevano storie simili al vertice, poiché Manning si rifiutò di giocare per i San Diego Chargers e fu spedito ai New York Giants per Rivers. Entrambi hanno avuto solide carriere a casa: Manning ha vinto due Super Bowls, mentre Rivers ha pubblicato statistiche complessivamente migliori. Roethlisberger è stato forse il migliore del trio, vincendo due Super Bowl e totalizzando tre yard di passaggio totali.

Losman non ha avuto un grande impatto dopo essere stato arruolato dai Bills, facendo 33 inizi di carriera con 33 touchdown e 34 intercettazioni. Schaub, è stato il quarto quarterback in questa categoria, iniziando per sette stagioni con gli Houston Texans e facendo due Pro Bowls dopo aver iniziato la sua carriera come backup di Michael Vick.

Il peggiore: 1996

Scelte degne di nota: Tony Banks (#42), Bobby Hoening (#85), Jeff Lewis (#100), Danny Cannell (#130), Damon Howard (non tagliato)

Non c’è molto da elogiare con questo gruppo.

Banks aveva i numeri migliori, ma la sua carriera è stata definita dall’essere l’uomo prima dell’uomo. Ha iniziato per tre stagioni con i St. Louis Rams prima di essere sostituito da Kurt Warner, che li ha portati rapidamente al Super Bowl. Ha quindi iniziato per una stagione e mezza con i Baltimore Ravens prima di essere sostituito da Trent Dilfer, che ha vinto un Super Bowl.

READ  Bukayo Saka dell'Arsenal è stato escluso dalla partita dell'Inghilterra contro San Marino a causa di un infortunio

Dopo Banks, nessuno in questa classe ha iniziato più di 27 partite. Howard, un mai uscito da Washington, è stato in campionato per 12 stagioni, la maggior parte delle quali come riserva. Cannell ha iniziato 10 partite per i Giants nel 1997 e nel 1998, ma quella era l’estensione della sua carriera nella NFL.

Migliore: 2012

Scelte degne di nota: Andrew Luck (#1), Robert Griffin III (#2), Ryan Tannehill (#8), Brock Osweiler (#57), Russell Wilson (#75), Nick Foles (#88), Kirk Cousins ​​​​(n. 102)

Anche con le ferite di Luck e Griffin, questo gruppo ha una profondità subdola.

Quattro volte giocatore professionista, Luck si è ritirato all’apice della sua potenza dopo sole sette stagioni a causa di infortuni. RG3 è stato il debuttante offensivo dell’anno, infortunato nella postseason per Washington e non è mai stato più lo stesso. Ma anche con quelle storie sfortunate delle prime due scelte, ci sono state molte storie di successo in seguito.

Tannehill è diventato un abile giocatore della NFL a lungo termine con i Dolphins e i Titans. Osweiler ha ottenuto un grosso contratto dopo aver sostituito rispettosamente Peyton Manning, anche se è stato licenziato poco dopo. Wilson ha avuto la migliore carriera di qualsiasi quarterback nel 2012, vincendo un Super Bowl e partecipando al Pro Bowl nove volte fino ad oggi. Foles ha avuto diverse stagioni solide come titolare e sarà ricordato per sempre per la sua carriera di MVP del Super Bowl con gli Eagles. Poi c’è Cousins, che continua a produrre fino alla metà degli anni ’30 come quattro volte Pro Bowler.

Il peggiore: 2013

Scelte degne di nota: EJ Manuel (#16), Gino Smith (#39), Mike Glennon (#73), Matt Barkley (#98), Landry Jones (#115)

Un anno dopo un’ottima lezione di ginnastica, ne è emersa una delle peggiori.

READ  Dove e come guardare

Smith sta lottando per salvare questo gruppo. Alla fine ha avuto un’altra possibilità come titolare nel 2022 dopo un inizio difficile della sua carriera con i Jets, rispondendo alla stagione del Pro Bowl dei Seahawks prima di ottenere un contratto importante.

Glennon è l’unico altro giocatore ad essere apparso in più di 20 partite, ma ha un record di carriera che va da 6 a 25 giocando per sette squadre diverse. A Manuel è stata data la possibilità di giocare per i Bills come debuttante e ha subito dimostrato di non essere un quarterback titolare. Barkley è ancora in giro come riserva, anche se ha fatto solo sette partenze nei suoi 10 anni di carriera.

Dormire: 2020

Highlights: Joe Burrow (#1), Toa Tagovailoa (#5), Justin Herbert (#6), Jordan Love (#26), Jalen Hurts (#53)

Se le prime tre stagioni della carriera di questa stagione sono indicative, potrebbe presto essere una delle migliori stagioni di sempre.

Facendo il Super Bowl solo nella sua seconda stagione, Burrow ha rapidamente trasformato un franchise dei Bengals che non vedeva questo tipo di successo da decenni. Quando era in buona salute, Tagovailoa ha registrato numeri superiori alla media nel 2022, ma gli infortuni rimangono chiaramente una preoccupazione. Subito dietro di lui al numero 6, Herbert è stato Offensive Rookie of the Year nel 2020, Pro Bowler nel 2021 e Top 10 nella votazione MVP nel 2022.

Più avanti nella bozza, Hurts è diventato rapidamente una star. Ha avuto una stagione di successo per gli Eagles nel 2022, portando Philly al Super Bowl e registrando numeri storici in una sconfitta. L’amore avrà il suo primo crack all’inizio del 2023 dopo che i Packers hanno scambiato Aaron Rodgers.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x