Come ha fatto Hisashi Ochi a diventare l'uomo più radioattivo del mondo?

  • Nel 1999, un errore umano dovuto alla mancanza di formazione e supervisione ha causato un grave incidente presso l'impianto nucleare della Japan Nuclear Fuel Conversion Corporation a Tokai, in Giappone.
  • Il tecnico Hisashi Ochi divenne “l’uomo più radioattivo del mondo” e morì dopo aver ricevuto 17 Sievert di radiazioni, molto più di quanto il corpo umano possa sopportare.
  • L'incidente ha portato la società a revocare le proprie credenziali per l'operazione e a stanziare 1 milione di dollari a titolo di risarcimento ad altre vittime delle radiazioni.

L'incidente nucleare di Tokaimura del 1999 è stato il peggiore incidente nucleare del Giappone dopo l'incidente nucleare di Fukushima del 2011 legato al disastro naturale.

La mattina del 30 settembre 1999, un errore umano provocò un grave incidente nell'impianto di lavorazione dell'uranio della Japan Nuclear Fuel Conversion Corporation (JCO) vicino a Tokai, 70 miglia (~ 112 chilometri) a nord-ovest di Tokyo.

A causa di una manipolazione impropria dell'uranio, una reazione di fissione nucleare incontrollata ha esposto due tecnici e i loro supervisori ad alti livelli di radiazioni. Ciò ha portato all'evacuazione della fabbrica e delle zone circostanti.

Uno dei tecnici, Hisashi Ochi, divenne in seguito noto come “l'uomo più radioattivo del mondo”, assorbendo 17 Sievert di radiazioni. Per mettere questo in prospettiva, la dose di radiazioni che si stima sia fatale per il 50% della popolazione in 30 giorni è generalmente di circa 4-5 Sievert.

READ  La NASA rilascia segretamente immagini sorprendenti del nostro sistema solare, mostrando Giove dal telescopio spaziale James Webb

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x