― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyCome la guerra di Putin ha trasformato il gruppo BRICS in un'alleanza...

Come la guerra di Putin ha trasformato il gruppo BRICS in un’alleanza contro l’Occidente

“Abbiamo il G-7 e poi i BRICS sono una specie di G-7 del mondo emergente, e nel tempo c’è una sorta di confronto, che non è davvero favorevole a nessuna vera sfida globale”, dice O’Neill.

“Ciò che è certamente vero è che ciascuno di questi membri vede il proprio interesse nell’essere diplomaticamente solido nel non sostenere pubblicamente l’Occidente”.

O’Neill aggiunge che Brix è una messa che “punta eccessivamente sul simbolismo”. Ma il simbolismo e la politica dell’identità sono fattori cruciali nella politica globale.

Se i paesi BRIC fossero stati assorbiti nel G-7 20 anni fa, potrebbe non esserci stata una guerra in Ucraina oggi, suggerisce.

Questi paesi erano alleati perché il sistema occidentale li ignorava. Ora, il blocco si sta presentando come una forza geopolitica alternativa mentre aumentano le tensioni con le potenze occidentali.

Molte di queste manovre coinvolgono Russia e Cina. “La Cina è preoccupata per le sanzioni in generale”, afferma van Staden. Aggiunge che ha bisogno di partner commerciali alternativi che non impongano i requisiti dei valori universali.

La guerra ha anche suscitato un risentimento di lunga data contro le strutture di potere occidentali.

“Non credo che alcuni degli altri membri del BRICS fossero ansiosi di iniziare questa battaglia con l’Occidente in questo momento, ma questo tipo di conflitto riflette un disagio più ampio con quella vecchia rabbia che hanno con gli aspetti del potere occidentale nel sistema mondiale, “dice van Staden.

Indipendentemente dal fatto che la loro adesione si espanda o meno, i paesi BRICS stanno diventando attori sempre più potenti sulla scena mondiale.

READ  Il deterioramento dell’economia egiziana sta spingendo molti a intraprendere la pericolosa rotta dei migranti

All’inizio del secolo, l’economia cinese misurata in dollari USA equivaleva solo al 12% del PIL degli Stati Uniti, afferma Kevin Daly, amministratore delegato e capo economista di Goldman Sachs. Ora vale quasi 80 pezzi.

Nel 2000, secondo un’analisi di Goldman Sachs, la Cina era la sesta economia mondiale per valore in dollari, classificandosi al di sotto di Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito e Francia. Nel 2022, la Cina è la seconda economia più grande, mentre l’India è al quinto posto.