Comitato 6 gennaio: Biden La Casa Bianca rifiuta più privilegi esecutivi da Trump

Secondo una lettera ottenuta dalla CNN, l’avvocato della Casa Bianca Dana Remus ha detto lunedì all’Archivio Nazionale David Ferrero che Biden non confermerà il privilegio di materiali aggiuntivi che Trump ha richiesto rimangono classificati come una questione di privilegio esecutivo.
L’ex presidente ha Già citato in giudizio Per evitare che l’Archivio Nazionale, il custode dei documenti della sua amministrazione alla Casa Bianca, sottoponga al Congresso documenti ritenuti distintivi, i documenti più recenti che potrebbero entrare a far parte di quella causa. Gli Archivi Nazionali inizieranno a consegnare documenti alla Camera dei Rappresentanti il ​​12 novembre, a meno che Trump non ottenga un’ingiunzione del tribunale.

“Il presidente Biden ha preso in considerazione l’affermazione dell’ex presidente e mi sono impegnato in consultazioni con l’Ufficio del consulente legale presso il Dipartimento di Giustizia”, ​​ha scritto Remus.

“Il presidente Biden ha stabilito che l’affermazione del privilegio esecutivo non è nell’interesse degli Stati Uniti, e quindi ingiustificata, rispetto ai documenti presentati alla Casa Bianca il 16 settembre 2021 e il 23 settembre 2021. Di conseguenza. Il presidente Biden non lo fa approvare l’affermazione di privilegio dell’ex presidente”.

Remus ha citato la sua precedente lettera agli Archivi Nazionali in cui ha evidenziato “eventi straordinari” quel giorno. Il capo dell’avvocato della Casa Bianca ha anche osservato che Biden ha ordinato agli Archivi nazionali di presentare i documenti al comitato 30 giorni dopo la notifica a Trump, “in assenza di qualsiasi ordinanza del tribunale”.

La Casa Bianca ha informato l’Archivio Nazionale all’inizio di questo mese Non confermerà il privilegio esecutivo Un primo lotto di documenti richiesti dalla commissione del 6 gennaio.

Durante una conferenza stampa della Casa Bianca in quel momento, il segretario stampa Jen Psaki ha affermato che “il presidente ha stabilito che l’affermazione del privilegio esecutivo non è giustificata per la prima serie di documenti della Casa Bianca di Trump fornitici dagli Archivi nazionali”.

READ  Animali indesiderati: il pesce rosso gigante appare nei corsi d'acqua del Minnesota

“Come abbiamo detto prima, questo sarà un processo in corso e questa è solo la prima serie di documenti”, ha detto. “E valuteremo le domande sul franchising caso per caso, ma il presidente è stato anche chiaro sul fatto che crede sia fondamentale che il Congresso e il popolo americano abbiano una piena comprensione degli eventi di quel giorno per evitare che accada ancora.”

Come parte del comitato ristretto della Camera indagine radicaleLa commissione ha inviato richieste di informazioni a un certo numero di agenzie federali. Il 6 gennaio il comitato ha richiesto specificamente “tutti i documenti e le comunicazioni all’interno della Casa Bianca”, compresi i registri delle chiamate, gli orari e gli incontri con alti funzionari e consulenti esterni, incluso Rudy Giuliani.

Gli esperti legali affermano che Biden ha l’ultima parola sul fatto che questi documenti siano coperti dal privilegio esecutivo e, dato che il comitato è guidato da membri del partito di Biden, l’autorità di Trump di influenzare il risultato è una questione aperta.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli lunedì.

Evan Perez, Zachary Cohen e Catelyn Pollantz della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x