Cosa si nasconde dietro il tour ministeriale arabo-islamico nei paesi del Consiglio di Sicurezza? | Notizia

Cosa si nasconde dietro il tour ministeriale arabo-islamico nei paesi del Consiglio di Sicurezza?  |  Notizia

Beirut, Libano – Una delegazione di paesi islamici e arabi sta visitando i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il loro obiettivo dichiarato è quello di raggiungere un cessate il fuoco nella guerra a Gaza, consentire che più aiuti umanitari raggiungano la popolazione e invitare i cinque membri del consiglio a sostenere i palestinesi nella realizzazione di uno Stato indipendente.

Ma gli esperti sono divisi sull’efficacia e sulla forma di questo viaggio.

“Impressione di attività”?

La delegazione, formata durante il vertice della Lega degli Stati arabi e dell’Organizzazione per la cooperazione islamica a Riad, comprende rappresentanti di Egitto, Indonesia, Giordania, Nigeria, Autorità palestinese, Qatar, Arabia Saudita, Turchia e il Segretario- Generale dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Organizzazione della cooperazione islamica. Respinge l’affermazione di Israele secondo cui il suo attacco a Gaza è legittima difesa.

Il 7 ottobre gli attacchi di Hamas nel sud di Israele hanno ucciso circa 1.200 persone. Furono fatte prigioniere circa 240 persone. Da allora, Israele ha ucciso più di 14.500 palestinesi. Almeno 6.000 erano bambini.

La delegazione aveva un’agenda fitta e ha iniziato il suo tour in Cina, dove ha incontrato lunedì a Pechino Wang Yi, il massimo diplomatico cinese.

A cominciare dalla Cina, ha sorpreso gli analisti che hanno ipotizzato cosa la delegazione stesse cercando di inviare alle potenze occidentali. Alcuni erano meno preoccupati e mettevano in dubbio la vera agenda della delegazione.

“In diplomazia, è una strategia ben nota: quando non vuoi fare nulla, cerca di coinvolgere il massimo numero di attori”, ha scritto Gerard Araud, ex ambasciatore francese in Israele, su X, precedentemente noto come Twitter. “Ci vuole tempo, dà l’impressione di attività ed è inutile.”

Poco dopo l’inizio della visita della delegazione, si è intensificato il discorso su una moratoria umanitaria, e all’inizio di mercoledì è stata annunciata. L’accordo è stato un importante punto di discussione per la delegazione che ha spinto per una cessazione permanente delle ostilità.

READ  Più Israele sta difendendo le vittime che sono state identificate come un ministro che difende l'azione della polizia

L’accordo prevede che Hamas rilascerà circa 50 donne e bambini, tre volte il numero di donne e bambini palestinesi nelle carceri israeliane.

La durata annunciata della pausa è di quattro giorni, durante i quali i prigionieri verranno rilasciati. Israele ha anche detto che sospenderà i combattimenti per un giorno in più per ogni gruppo “ulteriore” di 10 prigionieri rilasciati da Hamas.

L’incontro in Cina è stato seguito da un altro incontro con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a Mosca martedì e con il ministro degli Esteri britannico David Cameron più tardi a Londra. Mercoledì si è svolto un incontro con il presidente francese Emmanuel Macron.

Prima tappa, la Cina

Iniziando il loro viaggio in Cina, i paesi islamici e arabi potrebbero cercare di ottenere un sostegno globale da offrire ai paesi che finora hanno sostenuto Israele.

Durante l’incontro, Wang ha affermato che la scelta della Cina come prima tappa è un’indicazione che i paesi della delegazione hanno fiducia nella Cina e apprezzano la loro comprensione reciproca.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (a destra) stringe la mano al ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry a Pechino il 20 novembre 2023 [Pedro Pardo/AFP]

Robert Mogielnicki, esperto della Georgetown University sulle relazioni cinesi con i paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, non vede gli sforzi dell’Arabia Saudita e di altri paesi arabi come una prestazione come vede Arrow.

I paesi arabi non hanno un enorme grado di influenza diretta. “L’influenza indiretta attraverso la modellazione del discorso globale… e l’influenza sugli atteggiamenti pubblici dei principali attori globali sembra essere una dimensione importante dei loro sforzi”, ha affermato.

La Cina sembrava accogliere favorevolmente la diplomazia, con Wang che ha detto alla delegazione: “La Cina ha sempre… sostenuto fortemente la giusta causa del popolo palestinese per ripristinare i suoi legittimi diritti e interessi nazionali”, secondo il Ministero degli Esteri cinese.

READ  Joe Biden ride delle battute di una vita al raduno annuale dei media americani | Notizie sulla libertà di stampa

“La Cina ha interesse all’ordine regionale e alla prevenzione del dissesto economico”, ha detto ad Al Jazeera Arang Keshavarzian, professore associato di studi mediorientali e islamici alla New York University.

“Posso solo supporre che questi leader stiano sinceramente cercando di coinvolgere maggiormente la Cina per contribuire a porre fine alla guerra, ma la realtà è che solo gli Stati Uniti hanno la necessaria influenza su Israele”.

“Messaggio agli Stati Uniti”

Ad agosto, la Cina ha mediato un accordo di pace tra Iran e Arabia Saudita, ripristinando le relazioni diplomatiche, e gli analisti hanno affermato che questo era un segno del Medio Oriente che si allontanava dagli Stati Uniti come alleato chiave.

“Il fatto che la Cina sia la prima destinazione visitata è un messaggio per gli Stati Uniti”, ha detto ad Al Jazeera Randa Slim, membro senior del Middle East Institute. Ha spiegato che l’Arabia Saudita e altri paesi arabi stanno dicendo agli Stati Uniti: “Non sono più l’unica potenza nella regione”.

Pechino ha recentemente rafforzato i suoi legami con gruppi multilaterali non occidentali come i BRICS, di cui è membro insieme ad altre quattro grandi economie emergenti, e ha stretto legami più forti con il Sud del mondo in quelli che secondo gli analisti sono sforzi per costruire un mondo multipolare. ordine. .

Secondo un nuovo rapporto, l’accordo saudita-iraniano è stato “una vittoria diplomatica per la Cina che cerca sempre più di offrire una visione alternativa all’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti”. un report A cura dell’Istituto statunitense per la pace.

Accordi di Abraham o fallimento?

Negli ultimi anni i leader arabi si sono lamentati del ritiro degli Stati Uniti dalla regione. La sua politica si è in gran parte concentrata nel seguire la strategia dell’ex presidente Donald Trump di portare avanti gli accordi di Abraham e gli accordi di normalizzazione tra Israele e i paesi arabi.

READ  La Russia risponde duramente alla strambata dei Blinkin sulle truppe in Kazakistan

I leader arabi – Egitto e Arabia Saudita in particolare – di recente alla cautela Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ritiene che questa strategia abbia contribuito all’instabilità nella regione.

Prima del 7 ottobre, era ampiamente diffuso il fatto che anche l’Arabia Saudita e Israele fossero sulla buona strada per normalizzare le relazioni. L’accordo sarebbe stato un grande colpo per Israele, che secondo gli analisti stava cercando di eludere la collaborazione con i palestinesi costruendo invece accordi con le potenze regionali.

Mogielnicki ha affermato che la mobilitazione popolare a sostegno dei palestinesi nelle ultime sei settimane, soprattutto in Medio Oriente, ha “capovolto” le dinamiche regionali su cui si basano i processi di normalizzazione.

Tuttavia, ha aggiunto: “È improbabile che i calcoli strategici fondamentali che hanno sostenuto i precedenti sforzi di normalizzazione scompaiano del tutto”.

Percezione pubblica degli Stati Uniti come un fedele alleato di Israele, sebbene Blinken e altri funzionari statunitensi abbiano evidenziato politiche come Restituire gli aiuti ai palestinesi Ciò che l’amministrazione Trump ha ridotto, potrebbe non cambiare.

Anche se i paesi arabi non si illudono sulla posizione americana, la visita in Cina non indica ancora una completa perdita di fiducia.

“Questo fa parte degli sforzi per mobilitare il sostegno globale… e aumentare la pressione sul governo israeliano”, ha detto Mogielnicki.

Non importa quanto siano frustrati dall’incrollabile sostegno americano a Israele, i leader arabi sanno che il potere di fermare la carneficina spetta agli Stati Uniti.

“Se vuoi raggiungere l’obiettivo di un cessate il fuoco, devi parlare con gli americani”, ha detto Slim. “Loro sono l’unico partito [who decides]”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x