Derek Chauvin ha accoltellato l’agente di polizia che ha ucciso George Floyd: riferisce | Notizie di criminalità

Derek Chauvin ha accoltellato l’agente di polizia che ha ucciso George Floyd: riferisce |  Notizie di criminalità

La morte di Floyd nel 2020 ha scatenato proteste globali contro la brutalità e il razzismo della polizia.

I media negli Stati Uniti hanno riferito che Derek Chauvin, l’ex agente di polizia di Minneapolis condannato per l’omicidio di George Floyd, è stato gravemente ferito in un accoltellamento.

L’Associated Press, il New York Times e la ABC News, citando fonti anonime, hanno riferito che Chauvin è stato accoltellato da un altro detenuto presso il Federal Correctional Institution di Tucson, in Arizona, venerdì.

ABC News ha citato fonti vicine alla situazione secondo cui Chauvin è in condizioni “stabili” e dovrebbe sopravvivere.

La Federal Correctional Institution di Tucson non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La morte di Floyd nel 2020 ha scatenato massicce proteste contro la brutalità della polizia e il razzismo, con la frase “Non riesco a respirare” che è diventata un appello al cambiamento negli Stati Uniti e in molti altri paesi.

Il Federal Bureau of Prisons ha confermato che un detenuto della prigione di Tucson è stato accoltellato, senza identificarlo per nome, e nessun altro detenuto o impiegato della prigione è rimasto ferito.

Chauvin, che è stato filmato inginocchiato sul collo dell’uomo di colore per più di nove minuti, è stato condannato a 22 anni e mezzo di prigione dopo essere stato dichiarato colpevole di omicidio e omicidio colposo nell’aprile 2021.

Nel giugno 2022, Chauvin è stato condannato a 21 anni di carcere per aver violato i diritti civili di Floyd in un caso separato.

Lunedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di accogliere l’appello di Chauvin contro la sua condanna per omicidio di secondo grado.

READ  Crolla un edificio di 21 piani in costruzione in Nigeria - notizie dal mondo

Gli avvocati di Chauvin hanno affermato che gli è stato negato il diritto a un giusto processo a causa della pubblicità preliminare e del timore che la sicurezza pubblica possa essere minacciata se venisse assolto.

Altri tre ex agenti che erano sulla scena della morte di Floyd hanno ricevuto pene detentive che vanno da tre anni a 57 mesi.

A giugno, i risultati di un’indagine del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulla polizia di Minneapolis hanno scoperto che gli agenti usavano spesso pratiche violente e razziste, “inclusa la forza letale ingiustificata”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x