Donohue ha risposto agli stimoli critici che dicono che gli Stati Uniti stanno facendo di più

I responsabili delle politiche dell’Unione europea hanno risposto alle critiche che hanno affermato che dovrebbero spendere la stessa cifra che gli Stati Uniti spendono per la ripresa economica.

Los Regling, capo del fondo di salvataggio dell’Eurozona, e Paschall Donohue, ministro delle finanze e presidente dell’Eurogruppo, hanno dichiarato venerdì che l’Europa non è dietro agli Stati Uniti.

“Respingo anche l’idea che l’Europa stia rimanendo indietro rispetto agli Stati Uniti”, ha detto Regling. “Quando si guardano le ultime proiezioni del FMI per la crescita negli Stati Uniti quest’anno, sarà già più alta di quanto non sia in Europa, ma le stesse previsioni del FMI mostrano una crescita maggiore in Europa il prossimo anno nel 2022 rispetto agli Stati Uniti”.

Su base pro capite, ha affermato, la crescita del PIL è stata simile negli Stati Uniti e nell’Unione europea.

I commenti arrivano pochi giorni dopo che il Fondo monetario internazionale ha annunciato che l’Unione europea dovrebbe spendere un ulteriore 3% del PIL nel periodo 2021-2022 per aumentare la produzione del 2%.

Nel suo Regional Economic Outlook for Europe, il Fondo monetario internazionale ha affermato: “Ci sono potenziali vantaggi nel ridistribuire una quota maggiore del sostegno finanziario di emergenza verso misure per accelerare la ripresa e andare avanti meglio, di quanto non sia incluso negli attuali piani per i saldi finanziari iniziali fino al 2022. ” la settimana.

“Una volta ridotta la capacità in eccesso, può quindi seguire una spinta più forte”.

Il Fondo monetario internazionale ha leggermente rivisto le sue previsioni di crescita per l’Europa quest’anno, dal 4,7% al 4,5%, rispetto alla crescita prevista del 6,4% negli Stati Uniti.

READ  Mercati europei: guadagni, dati economici

Ma ha rivisto le sue previsioni di crescita per il 2022 al rialzo dal 3,2% al 3,9%, rispetto al 3,5% negli Stati Uniti.

Donohoe ha dichiarato: “Sono completamente fiducioso che l’Eurozona stia sviluppando un piano economico che porterà a una forte ripresa per la nostra gente dagli effetti di questa malattia”.

Ha detto che “fattori di stabilizzazione automatica” nell’Unione europea come l’assicurazione contro la disoccupazione dovrebbero essere presi in considerazione nel piano di stimolo del blocco.

Ha detto: “La base dei nostri sforzi è un insieme di fattori stabilizzanti che penso che sottovalutiamo o sottostimiamo”.

Ha anche menzionato le recenti nuove misure di sostegno in Italia, Spagna e Germania.

“Sebbene nessuna di queste misure possa essere paragonata a una singola iniziativa della Commissione europea o una singola iniziativa dell’amministrazione Biden, la raccolta di queste misure e il loro impatto generale sarà una delle reazioni durante il 2021 che rimane forte e sostenere la ripresa. “

“Questa è una forte risposta della zona euro e dell’Unione europea all’epidemia che supereremo e nel nostro sforzo di confrontare, non sottovalutiamo la portata di ciò che stiamo facendo qui”.

Il commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni ha detto che agli Spring Meetings del FMI la scorsa settimana ci sono stati “confronti” tra le risposte finanziarie degli Stati Uniti e dell’Unione Europea, ma c’è stata una “valutazione molto positiva della risposta europea”.

Ha detto che mentre il pacchetto di stimolo fiscale da 1,9 trilioni di dollari USA è stato “impressionante”, l’Unione europea ha speso il doppio di quello che gli Stati Uniti hanno in stabilizzatori automatici e ha utilizzato più garanzie pubbliche per aiutare le aziende. Rimanere a galla.

Redattori in linea

READ  Borsa Italiana, Commento alla sessione odierna (23 dicembre 2020)

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x