Draghi dice che alcune aziende farmaceutiche sembrano aver venduto i vaccini duplex

Fotografo: Alicia Perdominico / Bloomberg

Il premier italiano Mario Draghi ha sostenuto con forza le nuove restrizioni imposte dall’Unione Europea alle esportazioni di vaccini, criticando le aziende farmaceutiche che danno l’impressione di aver venduto i loro prodotti “due o tre volte”.

Mentre l’Italia si prepara ad allentare leggermente la sua recente chiusura, con un piano che prevede la riapertura delle scuole per bambini raggiungere All’età di undici anni a partire dai primi di aprile, il primo ministro ha detto ai giornalisti a Roma che vietare l’esportazione di vaccini selezionati al di fuori dell’Unione europea rimane un’opzione per il blocco.

“L’impressione è che alcune aziende – non cito i nomi – abbiano venduto due o tre volte”, ha detto Draghi. Ha aggiunto che il blocco completo delle esportazioni del virus al di fuori dell’Unione europea “infiammerebbe la tensione politica”.

Parlando giovedì il giorno dopo il vertice virtuale dei leader dell’UE, l’ex presidente della Banca centrale europea ha affermato che i divieti di esportazione individuali “dovrebbero essere presi in considerazione, soprattutto per le aziende che non rispettano i contratti”.

Restrizioni all’esportazione

I leader dell’Unione Europea hanno appoggiato con cautela un piano per limitare le esportazioni di vaccini dopo che è emerso che il blocco aveva inviato più colpi al resto del mondo di quanto ne avesse fatto ai propri cittadini. Tuttavia, forti tattiche di braccio potrebbero innescare misure di ritorsione che potrebbero mettere a repentaglio la fornitura di componenti e attrezzature agli impianti di vaccinazione in Europa.

Per saperne di più: L’Unione europea sostiene con cautela le restrizioni sui vaccini che richiedono vendetta

READ  I maggiori club italiani vogliono l'uscita del presidente della Serie A Paolo Dal Pino

Draghi, il cui Paese si è bloccato con l’Unione Europea La spedizione del vaccino AstraZeneca Plc in Australia sta cercando di accelerare la campagna di vaccinazione nazionale, con misure di blocco che gravano sull’economia che si è ridotta di quasi il 9% lo scorso anno.

“Al momento, l’attenzione è tutta sulle aree di esportazione, ma non ne usciremo con le masse ma con la produzione di vaccini”, ha detto Draghi. “Questa è l’unica cosa che ci porterà fuori dall’epidemia”.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x