― Advertisement ―

spot_img
HomesportÈ morto all'età di 79 anni Gigi Riva, il capocannoniere di tutti...

È morto all'età di 79 anni Gigi Riva, il capocannoniere di tutti i tempi della Nazionale italiana maschile – NBC New York

È morto Gigi Riva, il capocannoniere di tutti i tempi della Nazionale italiana maschile, conosciuto come “Rumpo di Tono”. Aveva 79 anni.

Lunedì la Federcalcio italiana ha confermato la morte di Riva, e cominciano ad arrivare le condoglianze per il giocatore che si è guadagnato il soprannome per la potenza del suo tiro, che ha segnato 35 gol in 42 partite con l'Italia.

Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana, ha dichiarato: “Sono scioccato e profondamente addolorato. Il calcio italiano è triste perché ci ha lasciato un vero e degno eroe nazionale”. “Gigi Riva è stato l'incarnazione di un grande uomo e di un calciatore eccezionale: il suo orgoglio, la sua classe e il suo senso di giustizia hanno unito generazioni.

“Grazie a lui abbiamo vinto l’Europeo nel 1968 e la Coppa del Mondo nel 2006 (come allenatore della squadra)”.

Riva è stato trasferito domenica nel reparto di cardiologia dell'ospedale Bruzzo dopo aver avuto un collasso in casa, e lunedì sera l'ospedale di Cagliari ha rilasciato un comunicato affermando che le sue condizioni erano migliorate. Ma morì poco dopo.

I medici dell'ospedale hanno dichiarato in dichiarazioni riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Soffriva di una grave malattia coronarica”. “Stamattina gli specialisti gli hanno consigliato un'angioplastica. Lui ha deciso di pensarci. Niente ci faceva pensare che le sue condizioni potessero peggiorare improvvisamente.

E aggiunge: “È stato informato del pericolo di morte… Sembrava calmo, di buon carattere e molto calmo. Ha concordato con quanto dichiarato riguardo alle sue condizioni, sapendo che la città e la nazione gli augurano ogni bene”.

Riva ha trascorso quasi tutta la sua carriera al Cagliari dopo essersi unito alla squadra sarda da adolescente, rifiutando diverse offerte lucrative per unirsi ad altri club, soprattutto quando era al top del suo gioco e il Cagliari era in difficoltà.

READ  Cinque atleti di pallavolo femminile della USC nominati per Pac-12 Honor Roll

Ha aiutato il Cagliari a vincere il suo unico titolo in Serie A nel 1970 e rimane il capocannoniere di tutti i tempi del club con 205 gol in 374 partite. È stato anche presidente onorario del club, ricoprendo la carica dal 1986 al 1987.

Diversi club italiani hanno postato messaggi di cordoglio sui social. Il Cagliari ha scritto semplicemente “Per sempre GIGI RIVA” sopra una grande foto del giocatore. Ha anche aggiunto un nastro nero ai suoi profili sui social media prima di rendere un sentito tributo.

“Ha portato il Cagliari lì a toccare le nuvole, dove nessuno era potuto andare prima”, si legge nel comunicato. “Ma ancor più che un semplice e straordinario eroe sportivo, è stato per i sardi e i sardi un esempio, un simbolo e un’icona.

“La partita tra Gigi e la Sardegna è stata completa, senza alcun filtro. Aveva il sapore dell'amore vero e assoluto che nulla poteva cancellare. Neppure la fine dell'esistenza. Da oggi siamo tutti soli. Con le nostre radici sradicate. Come se se ne fosse andato anche un pezzo di noi stessi. È come se ci fossimo svegliati da un sogno lungo, intenso, meraviglioso, dal quale non avremmo mai voluto svegliarci.

Da giocatore, Riva ha aiutato gli Azzurri a vincere l'Europeo nel 1968 e si è classificato secondo ai Mondiali due anni dopo, perdendo in finale contro il Brasile di Pelé.

È stato anche allenatore della Nazionale dal 1990 al 2013 ed è stato determinante nella vittoria dell'Italia nella sua quarta Coppa del Mondo nel 2006.

L'ex portiere italiano Gianluigi Buffon, che faceva parte della squadra vincitrice della Coppa del Mondo, è stato uno dei tanti a rendere omaggio a Riva.

READ  Malta ospita le partite dei piccoli paesi nel 2023 sperando di vincere medaglie

“Sei stato tra i più grandi calciatori italiani e un gigante fuori dal campo”, aveva scritto in precedenza Buffon su Twitter. “Mi hai dato guida e riferimento in Azzurro e abbiamo condiviso i momenti difficili e le sconfitte così come le vittorie più belle.

“Continua a darmi i tuoi consigli anche da lì. Addio rombo di tono!”

Anche molte altre persone al di fuori del mondo del calcio hanno espresso i loro sentimenti per la morte di uno dei migliori giocatori di sempre del paese.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dichiarato: “Molti italiani, me compreso, hanno appreso con vero dolore la notizia improvvisa della morte di Gigi Riva”.

“I suoi successi sportivi, la sua grande personalità e la dignità del suo comportamento in ogni circostanza gli hanno fatto conquistare l’amore di milioni di italiani, anche tra quelli che non seguivano il calcio”.

Questo fine settimana in Italia, prima dell'inizio di tutte le partite di calcio in onore di Riva, verrà osservato un minuto di silenzio.

Lunedì è stato osservato anche un minuto di silenzio prima dell'inizio del secondo tempo della finale di Supercoppa Italiana a Riad, in Arabia Saudita. Tuttavia, il pubblico del First Garden Stadium sembrava ignaro di ciò che stava accadendo – nonostante sui maxischermi fosse proiettata una foto di Riva e la frase “Ciao Riva” (Addio Riva) – e ha fischiato, spingendo i giocatori ad applaudire.

Lunedì è morto Franz Beckenbauer, che vinse la Coppa del Mondo da giocatore e da allenatore e divenne una delle figure più amate della Germania.