“È stato un viaggio davvero lungo”: i vigili del fuoco COVID si riprendono su lunghe distanze

Il quattordicenne veterano dei vigili del fuoco di Sacramento si sta ancora riprendendo dagli effetti a lungo termine della contrazione del COVID-19. “È stato un viaggio davvero lungo”, ha detto il vigile del fuoco Matt Rogge, 41 anni, descrivendo ciò che ha vissuto poco dopo che gli è stato diagnosticato il Coronavirus a luglio. “Avevo la febbre. La temperatura era 103 per due giorni e poi è scesa a 100, 101 per quattro o cinque giorni dopo … forti dolori muscolari, nausea. Non potevo mangiare nulla. Non riuscivo a trattenere nulla … Sono finito. Perdendo circa 25 libbre in due settimane. “Roger ha continuato descrivendo che si sentiva molto esausto quando ha iniziato a riprendersi.” Ho provato ad uscire e camminare fino al cortile, ho preso tutto quello che avevo, ha detto. Roger ha dovuto prendersi un mese e mezzo di pausa dal lavoro. Quando è tornato in pieno servizio. A metà agosto, ha detto che la sua forza e il suo condizionamento non sono gli stessi dei giorni precedenti di COVID. “Tutto richiede un grande sforzo”, ha detto Rogge, che da allora ha lottato con quegli effetti persistenti del virus. Ed Carretto, dottore in medicina del lavoro presso Dignity Health System, ha riferito Al Centro di riabilitazione polmonare del Mercy General dove lavora con un terapista della respirazione – spesso vestito a pieno titolo per i vigili del fuoco e salire le scale per imitare la sua controparte sulle condizioni di lavoro. “Sapere che sarebbe stato molto difficile tornare alle mie forze piene è stato difficile”, ha detto. Non è l’unico membro del dipartimento ad aver contratto il COVID-19 né è l’unico che ha vissuto più a lungo – un La sua eruzione a lungo termine – settimane o addirittura mesi dopo la diagnosi. “Non è discriminatorio e non importa chi sei e da dove vieni”, ha detto Greg Powell, un capo di battaglione per il Sacramento Fire Department. “Nel nostro stato,” vettori a lunga distanza “. C’è una suddivisione di persone che contraggono COVID e ha effetti a lungo termine.” Powell ha detto molte volte “vettori a lunga distanza” hanno ancora difficoltà a respirare o esaurirsi. “Possono camminare. Ma quando iniziano a muoversi a un ritmo più veloce o ciò che chiamiamo “velocità al suolo”, li colpisce quando diventano a corto di fiato, vertigini e stordimento, e influisce sulla loro capacità di funzionare “. Powell ha detto che potrebbe essere un fatto difficile da accettare per le persone in questo Linea di lavoro. “Facciamo questa missione perché la amiamo. Ha spiegato che facciamo questa missione perché amiamo aiutare le persone, motivo per cui Roger usa la sua esperienza nella lotta al Coronavirus per raggiungere gli altri.” Indosso tutta la mia attrezzatura per proteggermi, soprattutto quando entro in un incendio o in qualsiasi ambiente pericoloso “, ha detto. Ci vuole un grande sforzo per indossare questo equipaggiamento, e anche solo indossare una maschera è qualcosa che non richiede molto sforzo. “Proteggersi dall’ignoto su COVID è facile, ma questo può fare la differenza per la nostra salute o la salute dei nostri cari.” È un tiro di dadi. Per scoprire cosa ti succederà quando prendi il virus “, ha detto Rogge.” La cosa migliore che possiamo fare è indossare una maschera, lavarci le mani e seguire tutte le istruzioni per proteggerti da essa in modo da non dover cogliere questa opportunità “.

READ  La Richmond Corporation è dietro le telecamere che hanno filmato l'atterraggio della NASA

Il quattordicenne veterano dei vigili del fuoco di Sacramento si sta ancora riprendendo dagli effetti a lungo termine della contrazione del COVID-19.

“È stato un viaggio davvero lungo”, ha detto il pompiere Matt Rogge, 41 anni, descrivendo quello che ha passato poco dopo che gli è stato diagnosticato il Coronavirus a luglio.

“Ho avuto la febbre. Era 103 per alcuni giorni e poi è sceso a 100, 101 per quattro o cinque giorni dopo … forti dolori muscolari, nausea. Non potevo mangiare nulla. Non potevo sopportare nulla … Ho finito per perdere Circa 25 sterline in due settimane “.

Roger ha continuato descrivendo che si sentiva molto stanco quando ha iniziato a riprendersi. “Ho provato ad uscire e andare a piedi in giardino”, ha detto. “Ho preso tutto quello che avevo”.

Rog ha dovuto prendersi un mese e mezzo di ferie. Quando è tornato al servizio completo a metà agosto, ha detto che la sua forza e il suo condizionamento non sono gli stessi dei suoi giorni pre-COVID.

“Tutto richiede un grande sforzo”, ha detto Rogge, che da allora ha combattuto gli effetti persistenti del virus.

Il medico Rouge, David Carretto, un medico di medicina del lavoro presso il Dignity Health System, ha indirizzato Roger al Centro di riabilitazione polmonare del Mercy General dove lavora con un terapista respiratorio, spesso indossando indumenti antincendio completi e salendo le scale per simulare il suo lavoro. Condizioni di lavoro.

“Era difficile sapere che sarebbe stato molto lungo tornare alla mia piena forza”, ha detto.

Rouge non è l’unico membro del dipartimento che ha contratto il COVID-19 né è l’unico che ne ha sperimentato gli effetti a lungo termine, settimane o addirittura mesi dopo la diagnosi.

READ  Atlantic Sky: L'impatto della Luna sulle maree della Terra: spiegazione | Stili di vita regionali | Stili di vita

“Non è discriminatorio e non importa chi sei e da dove vieni”, ha detto Greg Powell, un capo di battaglione dei vigili del fuoco di Sacramento. “Nel nostro stato[s], Vettori a lunga distanza. C’è una suddivisione di persone che contraggono COVID e hanno effetti a lungo termine “.

Troppo spesso, diceva Powell, i “viaggiatori a lunga distanza” avevano ancora difficoltà a respirare o si esaurivano.

“Possono camminare, ma quando iniziano a muoversi a un ritmo più veloce o ciò che chiamiamo” velocità al suolo “, li colpisce quando diventano a corto di fiato, vertigini e vertigini, e questo influisce sulla loro capacità di lavoro”.

Powell ha detto che questo potrebbe essere un fatto difficile da accettare per le persone in questa linea di lavoro.

“Facciamo questo lavoro perché lo amiamo. Facciamo questo lavoro perché amiamo aiutare le persone”.

Ecco perché Roger sta usando la sua esperienza nella lotta al Coronavirus per raggiungere gli altri.

Ha detto: “Indosso tutta la mia attrezzatura per proteggermi, specialmente entrando in un incendio o in qualsiasi ambiente pericoloso”. “Ci vuole un grande sforzo per indossare quell’attrezzatura, e anche solo indossare una maschera è qualcosa che non richiede molto impegno”.

Proteggersi dall’ignoto sul virus corona emergente è facile, ma può fare la differenza per la nostra salute o per la salute dei nostri cari.

“È un tiro di dado per vedere cosa ti succederà quando prendi il virus”, ha detto Rogge. “La cosa migliore che possiamo fare è indossare una maschera, lavarci le mani e seguire tutte le indicazioni per proteggerti da questo. Non devi cogliere questa opportunità”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x