“Frybread Face and Me” racconta una storia specifica ma riconoscibile

“Frybread Face and Me” racconta una storia specifica ma riconoscibile

La mia famiglia viveva vicino ai miei nonni materni, quindi molti dei miei primi ricordi li coinvolgono. Notti estive nuotando in piscina e ascoltando il rumore del vicino ippodromo. Giorni di neve in cui preparavamo palline di popcorn e guardavamo segmenti dei loro viaggi in Italia e alle Hawaii con persone che non conoscevamo. Il pasto del mercoledì sera dopo le lezioni di pianoforte, con roast beef e montagne di purè di patate. Il tempo trascorso con i miei nonni ha segnato la mia giovinezza, quindi sono stato attratto dalla storia raccontata da Billy Luther in Frybread Face and Me, attualmente in streaming su Netflix.

Mentre i suoi genitori divorziano, Benny (Keir Tallman) viene mandato a trascorrere l’estate del 1990 con la nonna Navajo Loren (Sarah H. Natani). Perde l’opportunità di vedere la sua band preferita, i Fleetwood Mac, quindi progetta di scappare per tornare a casa. Il suo primo tentativo è quello di andare con suo zio Marvin (Martin Sensmeier) al rodeo con il suo mascolino zio, ma un grave infortunio mette fine a questo piano. Poi si rivolge a sua cugina Dawn (Charlie Hogan), chiamata Frybread Face, una ragazza più grande con una bambola improvvisata di Cabbage Patch. Il rapporto tra i due è difficile, ma con la fine dell’estate, i dolori e i trionfi condivisi li uniscono in un modo che solo la famiglia può fare.

In parte finzione, in parte autobiografia, Frybread Face and Me è un film fantastico. Penso sempre che alcuni dei migliori film raccontino una storia specifica e permettano al pubblico di trovare il proprio legame con essa. Non so come sia la vita in riserva, ma so cosa vuol dire non adattarsi del tutto alla propria famiglia – e vederlo attraverso gli occhi di un giovane indigeno non rende meno difficile arrivarci.

READ  L'Italia chiede a TikTok di bloccare gli utenti dopo la morte di una giovane ragazza

Le prestazioni in questo sono discrete ma solide. Tallman ritrae magnificamente un giovane alle prese con la sua situazione familiare e anche alle prese con la sua sessualità in fiore, senza mai soffermarsi su questo. Natani ci dà un forte senso di cosa significhi essere una donna indigena anziana, rifiutandosi di conformarsi alle aspettative di coloro che l’hanno costretta a entrare nella riserva. Hogan è il meraviglioso collegamento tra questi due mondi e uno dei pochi a comprendere sia l’appartenenza che l’ostracismo.

C’è poco flash o eccitazione in questo film. In questi luoghi tranquilli esiste la narrazione, storie banali che vengono ricordate più avanti nella vita. Indossa una gonna e balla sulle note di Stevie Nicks. È scoprire che anche tuo zio, amante del rodeo, è uno scultore. È guardare la nonna tessere un arazzo e iniziare a capire che la tua vita è intrecciata con quella della tua famiglia. Dawn parla di “hozho”, una parola Navajo che significa pace, equilibrio, bellezza e armonia. Questo film è hohoho.

Alice Chaffins è una scrittrice di Morgantown che ama i film e condivide le sue opinioni ed è membro della International Film Critics Society. Ogni sabato rivedi un film dal servizio di streaming e ogni domenica un nuovo film nelle sale. Puoi trovare di più su MacGuffin o Meaning on Substack.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x